Menu
Cerca
Giussano

Giussano: spacciatore sperona l'auto dei carabinieri, arrestato

In auto aveva droga e soldi

Giussano: spacciatore sperona l'auto dei carabinieri, arrestato
Cronaca Caratese, 22 Maggio 2021 ore 09:13

Giussano: spacciatore sperona l'auto dei carabinieri, fugge ma dopo un inseguimento viene arrestato.

In manette un 24enne

I carabinieri della Stazione di Giussano hanno arrestato un 24enne, marocchino, in Italia senza fissa dimora, celibe, nullafacente, ben noto ai comandi dell'Arma della zona per i numerosi precedenti a suo carico in quanto pluripregiudicato per reati in materia di stupefacenti.

L'inseguimento

Lo spacciatore,  destinatario già di un ordine di custodia cautelare in carcere, era a bordo  di un’Alfa Rome Giulietta a  Mariano Comense, in  via Salvo D’Acquisto, insieme  ad un complice,  quando attorno alle 18.30,  davanti un posto di controllo dei militari   ha tentato di fuggire.   Non si  è fermato e ha accelerato a tutta velocità, guidando in modo spericolato e pericoloso.  Un lungo inseguimento che è terminato a Giussano, in via Milano dove,  la gazzella dei militari  è stata speronata. Nel frattempo, grazie all’immediata comunicazione di quanto stava accadendo agli altri comandi Arma della  zona, i militari della Stazione di Giussano si  sono messi  immediatamente alle ricerche dei fuggitivi.

L'abbandono dell'auto e  la fuga a piedi

L 'intervento immediato dei carabinieri  ha permesso  prima di individuare la Giulietta abbandonata lungo via IV Novembre e, successivamente, di rintracciare il malvivente che, insieme a un complice, camminava lungo via Roselli.  C'è stato quindi  un breve inseguimento a piedi:, ma dopo poco i carabinieri  sono riusciti a  bloccare il sospetto. Il complice invece è riuscito a fuggire lungo le vie limitrofe.

La perquisizione

La successiva perquisizione personale e veicolare permetteva  di rinvenire:  venticinque  dosi di cocaina per un peso complessivo lordo pari a  quindici grammi,  vari telefoni cellulari e oltre 600 euro ritenuti provento dell’attività di spaccio.

I reati

Il 24enne è stato tratto in arresto per evasione dai domiciliari dove era stato posto in seguito a un arresto operato sempre dai militari di Giussano il 23 febbraio,  detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e  resistenza a pubblico ufficiale. Nei confronti dell’indagato è stato eseguito l’ordine di custodia cautelare in carcere conseguente la richiesta di aggravamento di misura già promossa dal comando operante e per la quale risultava ricercato dal 15 aprile 2021.
Necrologie