Cronaca
Seregno

Incidente con la moto, 16enne gravissimo

Nel pomeriggio il violento impatto contro un'auto in corso Matteotti. Il minorenne trasportato all'ospedale di Monza in condizioni molto critiche.

Incidente con la moto, 16enne gravissimo
Cronaca Seregnese, 19 Ottobre 2021 ore 19:21

Incidente fra una moto e un'auto in corso Matteotti, gravissimo un 16enne ricoverato all'ospedale di Monza. Lo schianto poco prima delle 17 all'intersezione con via Vignoli.

Incidente fra auto e moto, 16enne gravissimo

A Seregno un grave incidente all'intersezione fra corso Matteotti e via Vignoli verso le 16.50 di questo pomeriggio, martedì 19 ottobre. Coinvolte una moto condotta da un 16enne residente in città e un'auto, modello Mercedes, sulla quale viaggiava una 45enne di nazionalità italiana e la figlia di 7 anni. Secondo le prime informazioni raccolte, la vettura percorreva via Vignoli e impegnava l'intersezione per proseguire nel secondo tratto della stessa strada: il veicolo ha colliso con la moto diretta verso piazza Prealpi. Violento l'impatto sulla fiancata destra dell'auto, con i finestrini in frantumi.  Le condizioni del motociclista sono subito apparse molto serie e hanno richiesto un intervento sanitario di rianimazione, operato da personale laico in transito e poi proseguito dai medici del 118.

I soccorsi per il centauro 16enne

In corso Matteotti sono giunte l'Automedica di Desio, le ambulanze dell'Avis Meda e di Seregno Soccorso per prestare assistenza al minorenne, che era incosciente. Intubato dal personale del 118, è stato poi trasportato in gravissime condizioni all'ospedale San Gerardo di Monza. Nessuna seria conseguenza per  la mamma e la bambina a bordo della Mercedes. Sul posto anche gli agenti della Polizia Locale,  sotto il coordinamento del vicecommissario Vergani, per i rilievi del sinistro e per regolare la circolazione. La conducente dell'autovettura è stata sottoposta a tutti gli accertamenti di idoneità alla guida, con esito negativo. Domenica un altro incidente in città, con conseguenze non gravi.

 

Necrologie