Seregno

Inseguita e minacciata da una gang di ragazzini

E' accaduto in centro a una donna, che è riuscita a scappare e proteggersi dietro a un cancello. L'episodio è stato riferito in Consiglio comunale da Gabriella Cadorin della Lega

Inseguita e minacciata da una gang di ragazzini
Cronaca Seregnese, 26 Giugno 2021 ore 09:39

Inseguita e minacciata da una gang di ragazzini. L'episodio in centro a Seregno ai danni di una donna, che è riuscita a scappare e ripararsi  dietro a un cancello. Ne ha parlato la consigliera Gabriella Cadorin della Lega nell'ultima seduta del Consiglio comunale.

Minacciata e inseguita da una gang di ragazzini

A Seregno minacciata e inseguita da una gang di ragazzini. L'episodio nei giorni scorsi in centro ai danni di una donna, che è riuscita a scappare e ripararsi  dietro a un cancello. Ne ha parlato la consigliera Gabriella Cadorin della Lega nell'ultima seduta del Consiglio comunale, giovedì sera in presenza ma a porte chiuse.

"Consegnaci il portafoglio e il telefonino"

La donna, come ha riferito la consigliera del Carroccio, è stata rincorsa verso casa da quindici ragazzini, presumibilmente di età compresa fra 10 e 15 anni. Poi le minacce: "Se non vuoi che ti facciamo del male, consegnaci subito il portafoglio e il telefonino". La donna, con prontezza di riflessi, ha avuto l'istinto di scappare ed è entrata in un cortile, al riparo dietro una cancellata dove si è protetta prima di lanciare l'allarme. "Per fortuna  non è successo niente", ha aggiunto la consigliera di minoranza in aula consiliare.

Dibattito e polemiche su sicurezza ed eventi in centro

La comunicazione della consigliera Gabriella Cadorin si è inserita nel dibattito in Consiglio sulla sicurezza in centro, dopo l'episodio del fumogeno acceso in corso del Popolo, lo scorso sabato 19 giugno, fra centinaia di passanti. "Bande  e orde di giovani come allo stadio, non c'è un effettivo controllo" ha aggiunto la leghista. Dito puntato anche sul corposo programma degli eventi previsti nei week-end estivi, in particolare la cucina di strada, con il rischio di creare assembramenti, disordini oltre alla concorrenza per le attività locali, già duramente colpite dalla crisi provocata dalla pandemia.

Necrologie