sostegno alla Croce Rossa

Messa promuove la raccolta fondi della Croce Rossa di Monza

L'impegno della concessionaria per sostenere l'acquisto di una nuova ambulanza.

Messa promuove la raccolta fondi della Croce Rossa di Monza
Monza, 16 Aprile 2020 ore 12:17

La concessionaria Messa promuove la raccolta fondi della Croce Rossa di Monza. L’impegno della concessionaria per sostenere l’acquisto di una nuova ambulanza.

La concessionaria Messa sostiene la Croce Rossa

In questa situazione di emergenza ognuno, con i propri mezzi, può davvero fare la differenza.
Messa T., concessionaria Renault e Dacia presente sul territorio brianzolo da 55 anni, ha deciso di dare spazio alla Raccolta fondi della Croce Rossa di Monza per l’acquisto di un’ambulanza attrezzata, per rispondere a una richiesta sempre più urgente di mezzi aggiuntivi indispensabili per i volontari impegnati in prima linea nella lotta contro il covid-19.

Messa ha voluto inoltre supportare il lavoro degli operatori della Croce Rossa donando materiali utili a garantire la loro sicurezza come protezioni per sedili, guanti e altre strumentazioni necessarie per la prevenzione dei volontari e delle persone coinvolte.
“La Cri da sempre ci aiuta e ci sostiene nei momenti di difficoltà, ora è il momento di fare la nostra parte”. Così ha commentato Giorgio Messa, titolare della storica concessionaria che dall’anno scorso ha aggiunto alle sue sedi di Monza e Vimercate una terza a Merate, estendendo così il suo territorio di
competenza.

Come donare

E’ possibile fare donazioni:
– tramite la raccolta fondi https://www.gofundme.com/f/2-ambulanze-per-cri-monza-covid19 
– tramite bonifico su CC intestato a:
Croce Rossa Italiana Comitato di Monza ODV
Banca di Credito Cooperativo di Carate, filiale di MONZA
IBAN IT 11 I084 4020 4000 0000 0282 216
Indicare nella causale nome, cognome, indirizzo e numero civico, cap, città e e-mail per ricevere l’attestazione di donazione.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia