Cronaca
Monza e Brianza

L'impegno della Cgil Monza e Brianza contro l'illegalità

Domenica 21 marzo 2021 si celebra la “XXVI Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie".

L'impegno della Cgil Monza e Brianza contro l'illegalità
Cronaca Monza, 20 Marzo 2021 ore 07:48

L'impegno della Cgil Monza e Brianza contro l'illegalità. Domenica 21 marzo 2021 si celebra la “XXVI Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie".

L'impegno della Cgil Monza e Brianza contro l'illegalità

Domenica 21 marzo 2021 si celebra la “XXVI Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, ma per la Cgil di Monza e Brianza lottare contro l’illegalità è un impegno quotidiano che dura tutto l’anno. Lo rimarca Matteo Casiraghi, segretario confederale, a pochi giorni dalla commemorazione.

“Nella nostra provincia la ‘ndrangheta rappresenta una vera e propria metastasi che da anni peggiora la condizione sociale, ambientale ed economica del nostro territorio”, dichiara il segretario della Cgil in Brianza, che spiega: “Come dimostrato da decine di inchieste, la criminalità non è lontana da noi, ma agisce strutturalmente e quotidianamente nei nostri luoghi. Le mafie, infatti, si avvalgono di un sistema di relazioni silenziose e complici, una rete di professionisti e, talvolta, anche di rappresentanti delle istituzioni e amministratori locali”.

“Anche la Cgil di Monza e Brianza – sottolinea il segretario – vuole partecipare a questa ricorrenza raccontando, oltre all’impegno quotidiano di centinaia di nostri militanti per la legalità, alcune esperienze fatte in queste ultime settimane con l’obiettivo di sconfiggere il principale alleato delle mafie: il silenzio”.

L'impegno della Cgil nelle scuole

I dirigenti sindacali, negli ultimi mesi, spesso da remoto, sono intervenuti in molte scuole, incontrando professori e studenti. “Con loro abbiamo costruito una nuova esperienza civica a partire dal tema delle ecomafie – spiega Casiraghi – le organizzazioni criminali sono capaci di creare economia illegale che, a partire dal non rispetto del valore e della dignità del lavoro e delle condizioni contrattuali dei lavoratori, danneggiano anche l’ambiente in cui viviamo e i luoghi che frequentiamo”.

“Abbiamo portato il nostro contributo anche ai dibattiti organizzati da Libera, Brianza SiCura e Avviso Pubblico – aggiunge il segretario della Cgil di Monza e Brianza – sono stati momenti di discussione, denuncia e approfondimento che devono condurre a un rinnovato protagonismo fondato sull’alleanza delle parti sociali. La Cgil di Monza e Brianza è a disposizione di questo percorso che ha l’ambizione di organizzare i primi Stati generali dell’antimafia, per collaborare, insieme, a sconfiggere le mafie”.

Perché nell'attuale situazione di crisi economica legata alla pandemia, come è stato ribadito anche recentemente  in più occasioni “i bisogni delle persone e le povertà crescenti creano la tempesta perfetta, utile al malaffare capace di offrire spregiudicate soluzioni. Bisogna fare quadrato, nessuno di noi si faccia da parte, la Cgil c’è!”.

Necrologie