In via Rivolta

Lite tra coniugi sfocia in aggressione: entrambi finiscono in ospedale

Marito e moglie sono stati trasportati in codice giallo al Bassini e al San Gerardo.

Lite tra coniugi sfocia in aggressione: entrambi finiscono in ospedale
Monza, 17 Agosto 2020 ore 10:01

Lite tra coniugi sfocia in aggressione: entrambi finiscono in ospedale. E’ accaduto nella notte in via Carlo e Pietro Rivolta. Illesa una piccola di pochi mesi.

Lite tra coniugi sfocia in aggressione

Dalle parole, alle mani, ai coltelli. Una lite tra due coniugi nella tarda serata di ieri, domenica, è sfociata in un’aggressione vera e propria ed entrambi sono finiti in ospedale, lui al Bassini di Cinisello e lei al San Gerardo di Monza, fortunatamente non in gravi condizioni.

L’intervento delle Forze dell’ordine è scattato poco prima della mezzanotte in un appartamento di via Rivolta a Monza. A dare l’allarme è stato un residente dello stabile, insospettito dopo aver udito delle richieste di aiuto da parte di una donna e il pianto di alcuni bambini.

Gli agenti della Polizia di Stato sono intervenuti e subito la loro attenzione è stata attirata dalle urla di un uomo. Entrati nello stabile e giunti al piano dell’appartamento da cui provenivano le voci, hanno trovato la porta d’ingresso semi aperta e sono entrati.

Gli agenti hanno dapprima incrociato l’uomo, 44enne, straniero e domiciliato a Monza, che aveva due ferite da arma da taglio, rispettivamente alla mano destra e al braccio sinistro. Dietro di lui la moglie, visibilmente scossa, con in braccio una bimba di pochi mesi (affidatale dal fratello) e poco più indietro un’altra bambina di 5 anni.

L’intervento dei soccorsi

Le Forze dell’ordine hanno immediatamente chiesto l’intervento dell’ambulanza. Nel mentre l’uomo ha riferito agli agenti di essere stato colpito con un coltello dalla moglie. Le versioni in merito risulterebbero alquanto contrastanti: la donna avrebbe riferito agli agenti di aver avuto una violenta lite con il marito, ritornato a casa in preda ai fumi dell’alcol. Dopo averlo invitato a non infastidire la piccola di pochi mesi l’uomo si sarebbe alterato. La moglie lo avrebbe quindi invitato a uscire di casa. A quel punto il marito l’avrebbe aggredita con alcuni schiaffi. Sempre la moglie ha raccontato agli agenti di quanto la lite fosse degenerata nel giro di poco: alla donna sarebbe persino caduta la piccola di pochi mesi dalle mani. Temendo per sé stessa ed essendo anche in stato di gravidanza la 37enne avrebbe afferrato un coltello dalla cucina ferendo il marito.

Ben diversa la versione data dal marito, ascoltato dagli agenti in ospedale. L’uomo ha riferito di essere rientrato tardi, alle 23, e di essere stato per questo rimproverato dalla moglie che senza apparente motivo avrebbe poi preso il coltello e colpito l’uomo alla mano e al braccio.

I coniugi sono stati trasferiti l’uno all’ospedale Bassini di Cinisello e l’altra al San Gerardo di Monza, assieme ai due minori. La moglie in particolare è stata dimessa con una prognosi di 5 giorni mentre la piccola di pochi mesi è stata tenuta in osservazione tutta la notte.

Dopo quanto accaduto sono stati allertati i servizi sociali.

(foto archivio)

TORNA ALLA HOME 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia