Cronaca
La svolta

Scandalo Farfalle, ci sono due indagati

Ipotesi di reato di maltrattamenti per quanto sarebbe avvenuto all’Accademia di ginnastica ritmica di Desio.

Scandalo Farfalle, ci sono due indagati
Cronaca Desiano, 29 Dicembre 2022 ore 16:13

Umiliazioni e imposizioni su consumo di cibo ai danni delle Farfalle. Sono due le persone iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Monza, in relazione all’ipotesi di reato di maltrattamenti, per quanto sarebbe avvenuto all’Accademia di ginnastica ritmica di Desio, il centro di riferimento per gli allenamenti nazionale di ginnastica, composta dalle specialiste delle prove a squadre.

Scandalo Farfalle Desio, ci sono due indagati

Secondo quanto reso noto dagli uffici della Procura brianzola, guidata da Claudio Gittardi, si tratta di due responsabili della gestione tecnica delle atlete azzurre. Per la precisione, Emanuela Maccarani, direttrice tecnica dell’Accademia internazionale e allenatrice della Nazionale italiana di ginnastica ritmica, e della sua assistente, Olga Tishina. Indagate già raggiunte da provvedimento di sequestro dei loro telefoni cellulari, contro il quale hanno proposto ricorso al Tribunale del Riesame di Monza. Il fascicolo sarebbe stato aperto inizialmente contro ignoti, a seguito delle notizie di stampa diffuse dopo la denuncia pubblica di due ex ginnaste della squadra nazionale, relativa a "imposizioni e divieti relativi a consumo di cibi e bevande”, a ripetuti “controlli sul peso corporeo”, nonché “alle umiliazioni subite in caso di comportamenti ritenuti non adeguati”.

Il commissariamento del Centro di Desio

La due parti offese, minorenni all'epoca dei fatti, sono state sentite dagli inquirenti il 14 novembre scorso. A seguito di queste denunce a mezzo stampa, ai primi di novembre la Federginnastica aveva commissariato il Centro di Desio, attraverso una delibera d'urgenza del presidente federale Gherardo Tecchi (che si era detto “allibito”) scaturita dalla riunione con il ministro per lo Sport Andrea Abodi e Malagò. Il provvedimento, oltre alla nomina di un commissario, il vicepresidente vicario Valter Peroni, prevedeva una nuova figura, un “duty officer” con il compito di vigilare sul rapporto tra atleti e tecnici.

Seguici sui nostri canali
Necrologie