Gesto inqualificabile

Sfregiate le scarpette rosse contro la violenza sulle donne

L'installazione è stata prontamente riparata dall'Amministrazione comunale di Mezzago.

Sfregiate le scarpette rosse contro la violenza sulle donne
Cronaca Vimercatese, 06 Dicembre 2020 ore 12:18

Mezzago, sfregiate le scarpette rosse contro la violenza sulle donne. L’installazione è stata prontamente riparata dall’Amministrazione comunale.

“Un gesto intollerabile”

Un gesto che lascia senza parole, un atto di vandalismo che ha colpito nel profondo l’intera comunità mezzaghese. A poco più di una settimana di distanza dalla “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, sono già state vandalizzate le scarpette rosse installate dall’Amministrazione comunale per sensibilizzare la cittadinanza contro la violenza di genere. Un atto vandalico che ha scatenato la rabbia di molti mezzaghesi, che sui social hanno espresso tutto il loro risentimento.

“Siamo stati colpiti allo stomaco da questo fatto – ammette il sindaco Massimiliano Rivabeni, che lo scorso mercoledì 25 novembre aveva inaugurato l’opera insiema all’assessore Attilia Visconti – Non ci aspettavamo un gesto del genere”.

Le scarpe, infatti, sono state rotte sulla punta, dopo essere state colpite con un martello o un attrezzo simile. Proprio per la violenza del gesto l’Amministrazione ha deciso di muoversi immediatamente, coprendo lo sfregio nel giro di pochi minuti.

“Insieme al vicesindaco Lorenzo Macchiavelli siamo subito intervenuti, cercando di riparare al danno – continua Macchiavelli – Abbiamo coperto le punte delle scarpe con un drappo rosso e lasciato un messaggio a nome di tutta la comunità mezzaghese. Abbiamo voluto rispondere prontamente proprio per dare un messaggio preciso: certi atti non possono essere tollerati”.

Le scarpette, posizionate tra via Concordia e via Brasca, non verranno spostate.

“Il nostro messaggio è chiaro, continueremo anche in futuro a promuovere azioni contro la violenza di genere – conclude Rivabeni – Purtroppo sappiamo che sarà dura individuare i colpevoli di questo gesto, ma noi non arretreremo di un passo”.

TORNA ALLA HOMEPAGE

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità