Cronaca
Operazione

Spaccio, pistole e machete: arrestate 24 persone

Le indagini dei Carabinieri di Desio e di Cesano Maderno hanno permesso di smantellare la banda operante nel Parco delle Groane.

Spaccio, pistole e machete: arrestate 24 persone
Cronaca Desiano, 20 Dicembre 2022 ore 09:22

Maxi operazione dei carabinieri della Compagnia di Desio che hanno arrestato  24 persone: si tratta di una associazione a delinquere di spacciatori operativa nel Parco delle Groane

Sgominata piazza dello spaccio: 24 persone arrestate

Dalle prime ore di martedì 20 dicembre 2022, nelle province di Monza e della Brianza, Varese, Milano, Palermo e Alessandria, i militari della Compagnia Carabinieri di Desio, con il supporto di quelli dei reparti territorialmente competenti, stanno dando esecuzione  a due
ordinanze applicative della custodia cautelare in carcere, emesse dal gip  del Tribunale di Milano e di Monza, a seguito delle richieste avanzate rispettivamente dalla Procura Distrettuale di Milano e dalla Procura Ordinaria di Monza.

Le indagini dei Carabinieri della Sezione Operativa di Desio e della Tenenza di Cesano Maderno, hanno permesso di smantellare, non soltanto il traffico di droga eseguito al dettaglio, ma anche il livello superiore rappresentato da un sodalizio criminale, operante e
persistente all’interno del polmone verde del “Parco delle Groane”.

Spacciatori operativa malgrado la zona rossa e la neve

Con provvedimento richiesto dalla Procura Distrettuale di Milano ed in esecuzione dai militari della Tenenza di Cesano Maderno, il primo gruppo di indagati, di cui dodici in carcere e uno agli arresti domiciliari (8 marocchini, 3 italiani e 2 albanesi) è ritenuto responsabile, a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e porto abusivo di armi.
Gli arresti scaturiscono dalla protratta attività investigativa, condotta per circa tre anni dai militari della Tenenza di Cesano Maderno e che hanno consentito di scardinare una strutturata rete organizzata di smercio di cocaina, eroina e hashish, in grado di alimentare un consistente
mercato della droga – in modalità take-away hx24, all’interno della citata area boschiva - dove ogni elemento dell’organizzazione ha svolto un ruolo ben preciso (capi/organizzatori, addetti alla vigilanza, autisti e fornitori specifici per tipologia di stupefacente, in grado di
procurare anche un kg di droga per volta) e che non ha trovato una battuta d’arresto neppure nel periodo della “zona rossa”, in piena emergenza Covid, e durante l’abbondante nevicata dello scorso inverno. Dagli accertamenti è stato rilevante potere verificare che i
pusher, in diversi orari del giorno e della notte, erano appostati tra gli alberi, pronti a vendere dosi a folti gruppi di acquirenti che in particolare, giungevano da diverse località, attraverso le tratte ferroviarie confluenti alle vicine Stazioni Ferroviarie.

In questo ambito, attraverso le indagini confluite nel fascicolo della citata ordinanza, sono stati eseguiti 18 arresti in flagranza di reato a titolo di riscontro, nonché monitorate un migliaio di cessioni di stupefacente, con il deferimento di ulteriori 11 persone, che, non facendo parte dell’associazione, sono state ritenute responsabili, a titolo individuale, di attività di spaccio e, in ultimo, l’identificazione di 113 assuntori.

Indagini sempre più minuziose

In progressione, la misura cautelare invece ottenuta su richiesta della Procura di Monza, ha riguardato un analogo secondo gruppo di indagati, composto da 11 soggetti pregiudicati (tutti di nazionalità e origini magrebine), anch’essi operanti all’interno del Parco, ritenuti corresponsabili di riciclaggio, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, lesioni gravissime e detenzione illegale in luogo pubblico di armi da fuoco.

In questo caso, l’analisi condotta dai carabinieri della Sezione Operativa di Desio, si è sviluppata in sinergia con diverse Forze di Polizia europee, consentendo di individuare il “Parco delle Groane” quale epicentro dell’intera indagine, avviata nel mese di agosto 2019, a seguito dell’aggressione subita da due cittadini senegalesi che si erano introdotti nella fitta vegetazione del parco. Uno veniva attinto da un colpo di pistola, l’altro accoltellato con un “machete”, ad opera di due soggetti descritti come “magrebini”.
Da subito è parso chiaro che l’azione delittuosa era scaturita per ragioni legate al mondo degli stupefacenti, e pertanto le susseguenti attività investigative, si sono concentrate sul fenomeno dello spaccio, consentendo di ricostruire e documentare pienamente l’incessante stato di illegalità posto in essere da un nutrito gruppo di pusher che dimoravano stabilmente di quel reticolato di parco naturale, convertito in punto vendita delle più comuni e pericolose droghe: eroina, cocaina e hashish.

Una rete sempre più ramificata

Così, a seguito dell’efferato episodio, nell’arco temporale compreso tra settembre 2019 e il 2022, le indagini si sono proiettate, attraverso metodi tradizionali, massicce e costanti attività di controllo degli assuntori e attività tecnica, ed hanno consentito agli inquirenti di delineare progressivamente i contorni di  un persistente e dimorante gruppo di soggetti di origine magrebina la cui filiera si stava rafforzando dal volume di affari proveniente dalla vendita dello stupefacente ai numerosi clienti che entravano e uscivano dal parco e di essere gli approvvigionatori dello stupefacente, in particolare della cocaina e dell’hashish.
Ne conseguiva l’individuazione di un più vasto e articolato traffico di sostanze stupefacenti di portata internazionale.

La via della droga

Infatti, l’escalation di grossi quantitativi di droga smerciata e le cospicue transazioni di denaro, hanno permesso agli inquirenti di potere disegnare una vera e propria “via della seta” che collega l’Olanda con il pregiato polmone boschivo italiano.
Grazie anche alla collaborazione con la Landespolizei alemanna e della Guardia Civil spagnola, in varie occasioni si è riusciti a frenare l’ingresso dello stupefacente nel nostro territorio. Tuttavia gli ingenti flussi di denaro “guadagnati” in maniera redditizia ha concesso agli indagati di potere velocizzare l’acquisto di pregiate autovetture che venivano utilizzate per potere valicare la frontiera nazionale.
Di strategica importanza il ruolo rivestito, nel citato sodalizio, da due dei tre soggetti destinatari delle odierne misure.
In particolare, nel dicembre 2019, i militari di Desio mettevano a segno un duro colpo nei confronti degli spacciatori attraverso un arresto in flagranza e il conseguente sequestro di 400.000 euro e di 12 kg di cocaina proveniente dall’Olanda, risultato questo collegato in similitudine ad altre pregresse nove transazioni, per un valore complessivo di guadagno di oltre quattro milioni di euro e la vendita di centoventi kg di cocaina, dando evidenza pratica della solidità del business criminale.

Seguici sui nostri canali
Necrologie