Cronaca
Momenti di apprensione

Nel giorno del suo compleanno spara dei colpi di pistola per costringere il cane a salire in auto

E' accaduto ieri sera, lunedì 6 settembre, a Barlassina. 

Nel giorno del suo compleanno spara dei colpi di pistola per costringere il cane a salire in auto
Cronaca Seregnese, 07 Settembre 2021 ore 09:43

Nel giorno del suo compleanno spara dei colpi di pistola per costringere il cane a salire in auto. E' accaduto ieri sera, lunedì 6 settembre, a Barlassina.

Spara colpi di pistola per far salire il cane in auto

Momenti di apprensione intorno alle 19.15 di lunedì 6 settembre 2021, a Barlassina dove un 49enne domiciliato in città, pluripregiudicato per svariati reati, ha esploso tre colpi d’arma da fuoco lungo le vie del centro cittadino. Lo sconsiderato gesto, in base a quanto ricostruito, sarebbe da ricondurre a un asserito tentativo da parte dell’uomo di costringere il proprio cane di piccola taglia a salire a bordo dell’autovettura.

Si è temuta una sparatoria, poi l'allarme è rientrato

I colpi di pistola hanno allarmato le persone presenti in piazza Cavour e qualcuno ha temuto che fosse in corso una sparatoria, allertando immediatamente le Forze dell'ordine. In seguito alle numerosissime chiamate transitate alla centrale operativa dei Carabinieri di Seregno, in forza – con 3 pattuglie – i militari dell’Arma si sono portati sul posto facendo convergere il Radiomobile di Seregno e i militari della stazione di Seveso - competente per territorio – e di Lentate.
Poco dopo, sulla scorta dei primi indizi raccolti, i militari hanno presto individuato l’autore della scriteriata azione rintracciandolo presso il proprio domicilio. La successiva perquisizione ha permesso di rinvenire l’arma, trovata nascosta all’interno di una Mercedes Classe A in uso all’uomo, e appurare che in realtà si trattava di una pistola scacciacani all’interno del cui tamburo vi erano ancora tre colpi a salve inesplosi e i tre bossoli compatibili con l’evento descritto.
In tarda serata, al termine degli accertamenti di polizia giudiziaria, l’uomo è stato deferito in stato di libertà per procurato allarme.

Necrologie