Cronaca
Seveso

Terrorizza e minaccia di morte i familiari, 35enne finisce in carcere

Si tratta di un 35enne che nei mesi scorsi aveva danneggiato di notte delle auto in sosta a Seveso e preso a sassate la Madonna della Pace.

Terrorizza e minaccia di morte i familiari, 35enne finisce in carcere
Cronaca Seregnese, 24 Maggio 2022 ore 10:23

Nonostante il divieto di avvicinamento alla casa familiare e ai luoghi frequentati dai familiari, continuava a terrorizzare i genitori e il fratello violando i divieti imposti e arrivando anche a minacciarli di morte. Ora è finito in carcere.

Minaccia di morte i familiari, 35enne finisce in carcere

Si tratta di un 35enne, che nei mesi scorsi aveva danneggiato di notte delle auto in sosta a Seveso e preso a sassate la Madonna della Pace. Nei giorni scorsi i Carabinieri della stazione di Seveso hanno eseguito l’ordinanza della custodia cautelare in carcere nei suoi confronti. Il 35enne, di origini marocchine, era già pregiudicato per reati contro il patrimonio, la persona e in materia di armi e stupefacenti.

In particolare, il Gip di Monza, su richiesta del pubblico ministero della locale Procura, ha rilevato che nell’arco di soli tre giorni, il 13, il 14 e il 16 maggio, in contemporanea all’imposizione nei suoi confronti degli obblighi e dei divieti a tutela dei suoi familiari (persone offese), l’indagato si sarebbe presentato presso l’abitazione familiare pretendendo di entrare o tentando di accedervi. In due occasioni il 35enne avrebbe manifestato un palese stato di ebbrezza alcolica, con lancio di sassi e minacce di morte. In una delle occasioni inoltre era stato fermato dai Carabinieri a poche centinaia di metri dall’abitazione, ancora con un piccone in mano.

L’uomo, indagato per il reato di maltrattamenti contro familiari o conviventi per gli svariati episodi di violenza contro i genitori 70enni e il fratello 33enne contro i quali aveva più volte attuato comportamenti minacciosi, aggressivi e intimidatori – ancorché mai sfociati in aggressioni fisiche –, al termine degli accertamenti di rito, è stato trasferito presso la casa circondariale di Monza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie