Dopo la tragedia

Ultimo saluto a Simone Rizzi: “Adesso vola in alto”

Nella chiesa di Baruccana di Seveso dolore e lacrime per il 33enne base jumper precipitato in Val Badia a Ferragosto.

Ultimo saluto a Simone Rizzi: “Adesso vola in alto”
Seregnese, 19 Agosto 2020 ore 17:52

“Ciao Simone, adesso vola in alto”. E’ il messaggio con cui i familiari del base jumper Simone Rizzi, precipitato e morto dopo un lancio in Val Badia, hanno chiuso le esequie che sono state celebrate poco fa, mercoledì 19 agosto 2020, nella chiesa di Baruccana di Seveso. Simone Rizzi aveva 33 anni e una sconfinata passione per il base jumping. Una passione che il 15 agosto gli è stata fatale.

Ultimo saluto a Simone Rizzi: “Adesso vola in alto”

Una cerimonia accompagnata da sconcerto e lacrime. In tantissimi si sono uniti alla moglie Irina, a mamma Rosangela, a papà Maurizio e alla sorella Anita, stretti in un unico immenso dolore accanto alla bara di legno chiaro ricoperta di mazzi di fiori e avvolta nella tuta alare di Simone. E’ stato l’ultimo saluto a una persona “che ha sempre vissuto da uomo libero” e che “da uomo libero se ne è andata”, come hanno detto i familiari per voce del parroco don Carlo Pirotta. Poi la promessa: “Rimarrai per sempre nel nostro cuore. Ciao Simone, vola alto”.

“Ora è nella pienezza del cielo a cui ha sempre anelato”

Ed è proprio in cielo che don Carlo Pirotta ha invitato familiari, parenti e amici a immaginare Simone, durante l’omelia: “Ora è nella pienezza del cielo a cui ha sempre anelato, accanto a Gesù”. Tra la folla intervenuta alle esequie, anche tantissimi volontari dell’Anteas Seveso, l’associazione in cui presta servizio papà Maurizio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia