Menu
Cerca
Lutto a Lissone

Urtato e caduto dalla bici, il pensionato 80enne purtroppo non ce l’ha fatta

L'anziano, rimasto coinvolto in un tragico incidente in via De Amicis mentre era in sella alla sua bicicletta, purtroppo è mancato nella serata di ieri

Urtato e caduto dalla bici, il pensionato 80enne purtroppo non ce l’ha fatta
Cronaca Monza, 27 Aprile 2021 ore 14:25

Alla fine, dopo tre giorni di dura lotta contro il tempo, l’anziano urtato e caduto dalla sua bicicletta lo scorso venerdì a Lissone purtroppo non ce l’ha fatta.

Urtato in bici, muore 80enne

E’ mancato nella tarda serata di ieri, lunedì 26 aprile, Claudio Di Palma il ciclista di 80 anni rimasto coinvolto in un drammatico incidente in via De Amicis nel quartiere Santa Margherita.

Dopo tre giorni di battaglia, purtroppo l’anziano non ce l’ha fatta ed è spirato all’ospedale San Gerardo di Monza dove era ricoverato in coma.

Una tragedia che ha sconvolto l’intera frazione a Nord della città che fino all’ultimo ha pregato e sperato che la situazione clinica dell’uomo, caporeparto in una tipografia della zona ora in pensione, migliorasse.

L’appello della famiglia

Anche dalle colonne del Giornale di Monza, in edicola da questa mattina, la famiglia aveva lanciato un appello per cercare di rintracciare eventuali testimoni dell’accaduto.

Se qualcuno ha assistito all’incidente, o ha visto qualcosa, ci contatti per ricostruire meglio la dinamica dell’accaduto.

Venerdì pomeriggio l’80enne era stato soccorso dai sanitari della Croce Verde Lissonese e dal personale arrivato a bordo di un’automedica.

Il drammatico incidente

Nel tardo pomeriggio di venerdì l’anziano, che percorreva via De Amicis in sella alla sua bicicletta in direzione di via Mattei, è stato urtato da un furgoncino in manovra che aveva ingranato la retromarcia.

A bordo del mezzo un 58enne residente a Bovisio Masciago che non avrebbe notato l’anziano sopraggiungere dalla sua destra, urtandolo. A causa del colpo il pensionato era stato sbalzato violentemente sull’asfalto. Poi la chiamata al 112, l’arrivo dei soccorsi e degli agenti della Polizia locale e infine la corsa disperata al pronto soccorso.

Dopo tre giorni in coma ieri sera, lunedì a giornale già in stampa, il tragico epilogo. All’uomo al volante del furgoncino era stata ritirata la patente. Il fascicolo era stato poi trasmesso anche alla Procura di Monza.

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE DEL GIORNALE DI MONZA

Necrologie