Menu
Cerca
Triuggio

Villa Don Bosco finisce all’asta

La storica dimora è stata messa in vendita dalle suore salesiane, poi acquistata dall'immobiliare Anna oggi in liquidazione.

Villa Don Bosco finisce all’asta
Cronaca Caratese, 24 Marzo 2021 ore 12:08

Villa Don Bosco finisce all’asta per oltre 4 milioni di euro.

Villa Don Bosco all’asta

Il complesso architettonico, che un tempo ospitava le suore, risale al 1858. E’ costituito dalla villa circondata da un parco, situata nella valletta del rio Cantalupo, e da edifici di carattere secondario come il collegio con camere e servizi, il refettorio con cappella, e altri piccoli edifici di carattere accessorio adibiti a rustici di campagna. La data della vendita è stata fissata per il 20 maggio alle 16.30 presso la sede dell’Istituto Vendite Giudiziarie di Monza, in via Velleia 5 (sala rossa). La base d’asta è di 4 milioni e 811,325 euro con un’offerta minima di 3 milioni e 661mila euro.

La storia

Villa Don Bosco fu, un tempo, proprietà della famiglia Caprotti. Nel 1948 le salesiane l’acquisirono sotto impulso del cardinale Ildenfonso Schuster e vi aprirono un collegio femminile. Più tardi è diventata casa di riposo per le suore più anziane e centro di ritiro spirituale, che ha continuato a ospitare convegni anche dopo la partenza delle sorelle.
Un legame speciale, come detto, quello che stringe i triuggesi e la villa, punto di riferimento non solo spirituale per le ragazze del paese ma anche culturale.

La messa in vendita

La dimora è stata messa in vendita nel 2007 dalle salesiane stesse. Il sindaco di allora, Paolo Manzoni, aveva mostrato un «forte interessamento» all’acquisto dell’edificio, che avrebbe così avuto una destinazione pubblica e ospitato uffici comunali. Nel 2010 la clamorosa svolta: l’immobiliare «Anna», che fa capo alla famiglia di imprenditori Casiraghi, raggiunge un’intesa con le suore per l’acquisto del complesso religioso. L’impresa propone al Comune la cessione dell’edificio principale e del parco in cambio di nuove aree residenziali a Tregasio e Triuggio.
Contro il Piano integrato d’intervento si schiera il Comitato per la difesa del territorio di Triuggio e delle frazioni che avvia una campagna e una raccolta firme contro l’acquisizione di villa Don Bosco. Vengono raccolte 1.019 firme. Il Piano «Villa Don Bosco» viene definitivamente cancellato nel 2018, con l’Amministrazione comunale guidata dall’attuale sindaco Pietro Cicardi.

Il servizio completo sul Giornale di Carate in edicola da martedì 23 marzo 2021.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli