Dopo il dibattito in Consiglio

Lo street artist di Cesano: “Volevo solo una città più colorata”

Da inizio 2019 Sondar ha dato un'anima a cento dissuasori della sosta.

Lo street artist di Cesano: “Volevo solo una città più colorata”
Cultura Seregnese, 20 Gennaio 2021 ore 08:30

Lo street artist di Cesano Maderno: “Volevo solo una città più colorata”. Parla Sondar, l’artista al centro del dibattito in Consiglio.

Parla lo street artist di Cesano

L’idea gli è venuta quasi due anni fa, scendendo in strada di notte per portare fuori la spazzatura. “Ho visto un vecchio panettone, grigio, immerso nei sacchi dell’immondizia e ho avuto un rigurgito di colore – spiega, scoppiando in una risata fragorosa – E’ stato un attimo: sono salito in casa a prendere i colori”. Da quella notte di febbraio 2019 Sondar, nome d’arte di un cesanese che tiene a mantenere misteriosa la sua identità, di dissuasori della sosta ne ha colorati più di cento, notte dopo notte.

Il “caso” in Consiglio comunale

Di certo mai e poi mai avrebbe immaginato di finire al centro delle attenzioni dell’Amministrazione comunale, che nell’ultimo Consiglio ha “messo al bando” le sue opere d’arte:  i “suoi” panettoni con l’anima sono stati indicati tra quelli non a norma di Codice della strada e quindi da “cancellare”.

Cesano Maderno, Sondar
Cesano Maderno, Sondar, lo street artist che ha dato vita ai dissuasori sparsi per la città

“Volevo solo una città più colorata”

Sondar precisa: “Io non imbratto niente di nuovo. Non ho mai colorato dissuasori gialli con la banda catarinfrangente. Quelli che ho trasformato in personaggi unici, diversi uno dall’altro, erano panettoni grigi. E spesso, con il colore, ho coperto scritte e disegni osceni”.  La sua idea era quella di “colorare tutta Cesano” al motto: “Più colore, meno grigiore”.

Un museo diffuso dedicato alla street art

Il dibattito continuerà nel prossimo Consiglio comunale: Raffaele Di Staso di Passione Civica ha presentato una mozione per permettere la ricollocazione dei panettoni colorati in luoghi idonei sul territorio di Cesano Maderno, creando così un Museo diffuso.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli