Politica
Milano - Desio - Seregno

Approvato il progetto della metrotranvia

Via libera del Cipess con uno stanziamento aggiuntivo che permetterà di realizzare l'opera lunga 15 chilometri: spesa totale di 258,5 milioni di euro.

Approvato il progetto della metrotranvia
Politica Seregnese, 04 Agosto 2022 ore 15:15

Approvato dal Cipess il progetto della nuova metrotranvia Milano-Desio-Seregno, con uno stanziamento aggiuntivo. Costo totale di 258,5 milioni di euro.

Approvato il progetto della metrotranvia

Il 2 agosto il Cipess, Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile, ha approvato definitivamente il progetto e deliberato uno stanziamento aggiuntivo che permetterà alla Città metropolitana di Milano di realizzare la nuova metrotranvia da Milano a Seregno, passando per Desio. Un'infrastruttura del valore di 258,5 milioni di euro che, una volta ultimata, si snoderà per circa 15 chilometri toccando numerosi Comuni milanesi e brianzoli. Un risultato dalla portata storica, si legge in una nota della Città metropolitana di Milano, per "dotare il territorio di una nuova e strategica infrastruttura, che contribuirà inoltre a ridurre le emissioni di CO2, creare minori congestioni e migliorare la qualità della vita delle persone.

"Prioritaria la sostenibilità"

"La trasformazione dell'economia e la creazione di opportunità e posti di lavoro sono obiettivi che esigono un cambiamento di paradigma per intervenire in modo strutturale non solo sui ritardi accumulati in materia di trasporto pubblico locale, ma anche per fare in modo che la sostenibilità divenga prioritaria scelta delle imprese e delle amministrazioni pubbliche - spiegano da Palazzo Isimbardi - Questi i presupposti per rendere il trasporto pubblico volano dello sviluppo e protagonista del cambiamento". Per raggiungere questi obiettivi, a livello governativo, occorre un cambio di marcia per dare risposte concrete a questa che è l’area metropolitana più dinamica del nostro Paese: servono tempi decisionali maggiormente rapidi, per evitare inutili ritardi, per non perdere delle occasioni e rischiare di rendere obsoleti i progetti ancor prima della loro realizzazione".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie