Politica
Colpo di scena

Elezioni a Meda, il Polo civico candida Rina Del Pero

La 70enne, impegnatissima nel sociale, raccoglie l'eredità di Vermondo Busnelli: "Meda ha bisogno di un cambio di passo e io ci sono".

Elezioni a Meda, il Polo civico candida Rina Del Pero
Politica Seregnese, 05 Aprile 2022 ore 11:42

Elezioni amministrative a Meda, il Polo civico candida Rina Del Pero.

Elezioni, il Polo civico candida Rina Del Pero

«Qualcuno dirà: “Ecco, le solite facce”, ma questa volta si sbaglia. Noi donne, anche se siamo in maggioranza numerica, abbiamo sempre avuto difficoltà ad affermarci. Ora Meda chiede un cambio di passo e io sono pronta a mettermi in gioco». Colpo di scena a due mesi dalla data delle elezioni amministrative (che si terranno il 12 giugno): il Polo civico punta su Rina Del Pero. La 70enne, con un intenso passato nel mondo politico e impegnatissima nel volontariato e in ambito sociale, è il terzo candidato sindaco in corsa, insieme all’attuale primo cittadino Luca Santambrogio, sostenuto dal Centrodestra, e all’ex assessore della Giunta Caimi Marcello Proserpio, appoggiato dalla coalizione di Centrosinistra.

Impegnata in politica e nel sociale

Conosciutissima in città per il suo impegno in vari ambiti, Rina (all’anagrafe Cesarina) Del Pero non ha bisogno di molte presentazioni. Si era candidata per la prima volta come consigliera comunale nel 1980 con il Partito socialista italiano e da allora non ha più lasciato il mondo della politica. In tempi più recenti era approdata nel Parlamentino comunale nel 1999 tra le file della lista L’Ulivo Insieme per Meda, subentrando a Furio Cecchetti. Allo scadere del quinquennio 1997-2002 si era ricandidata con la lista Meda per Meda a sostegno di Maurizio Lanzani, ottenendo nuovamente un posto nel Parlamentino fino al 2007. Quindi si era nuovamente proposta, stavolta come capolista di Uniti per Meda a sostegno di Luigi Buraschi (che morì proprio nei giorni delle elezioni a causa di un incidente stradale), ma non era riuscita a entrare in assise, così come nel 2012 e nel 2017, quando si era candidata a sostegno di Vermondo Busnelli nella lista Meda per tutti.

Raccoglie l'eredità di Vermondo Busnelli

Nelle scorse settimane proprio Busnelli, seduto ai banchi delle minoranze come capogruppo del Polo civico (nato dall’unione delle liste Meda per tutti e Lista civica per Meda), aveva annunciato che la sua squadra si stava preparando per la tornata elettorale 2022, ma non si era sbilanciato su una sua eventuale terza ricandidatura a sindaco. Domenica sono state sciolte le riserve: sarà Rina Del Pero a raccogliere il suo testimone. «Negli ultimi dieci anni il nostro leader Busnelli ha assicurato competenza e costante impegno in Consiglio comunale e ha garantito anche un ruolo propositivo, di controllo e di continua informazione a tutta la cittadinanza - riferiscono dal Polo civico - Ora, in virtù di una giusta alternanza, il Polo civico per Meda affida a Rina Del Pero il compito di proseguire questo impegno e la candida al ruolo di sindaca della città».

"Per me parla il mio vissuto"

Presto detti i motivi della scelta. «Rina conosce molto bene il territorio e la macchina amministrativa, essendo già stata consigliera comunale in liste civiche di Meda - proseguono - E’ molto attiva in città, con continuità e con passione, specialmente in iniziative culturali e sociali (in particolare come referente del Circolo XX Settembre, ndr)». Potrà contare sul supporto e sulle competenze dell’intero gruppo del Polo civico «come assicurano, oltre a Vermondo Busnelli, anche i rappresentanti storici e coordinatori, Vilma Galimberti, Gianni Mitrano e Mirella Cremonese, perché le giuste aspettative dei concittadini trovino accoglienza e soluzione, creando le condizioni per un pieno sostegno a tutti i medesi e per una reale rigenerazione della città, che la renda più vivibile e accogliente». «Non devo aggiungere altro, per me parla il mio vissuto - commenta Del Pero - La squadra del Polo civico mi ha coinvolta con entusiasmo e nonostante l’età anagrafica sono ancora in grado di affrontare anche questa salita. Meda è la mia città che tanto merita e tanto necessita. Io ci sono... ancora».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie