Politica
Doccia gelata

Niente fondi dal Pnrr, Villasanta dovrà pagare di tasca propria la nuova scuola dell'infanzia

Tra demolizione e ricostruzione l'intervento costerà alle casse comunali circa 3 milioni e 600 mila euro

Niente fondi dal Pnrr, Villasanta dovrà pagare di tasca propria la nuova scuola dell'infanzia
Politica Vimercatese, 26 Agosto 2022 ore 09:39

Doccia gelata per l'Amministrazione comunale villasantese guidata da Luca Ornago che dovrà pagare di tasca propria demolizione, progettazione e realizzazione della nuova scuola dell'infanzia Tagliabue.

L'ufficialità è arrivata nei giorni scorsi. Dunque l'Esecutivo non potrà contare sui finanziamenti messi a disposizione dal Piano nazionale ripresa e resilienza (Pnrr). La nuova scuola verrà costruita utilizzando i fondi comunali: 3 milioni e 600 mila euro tra demolizione e ricostruzione.

Tale soluzione era stata inserita tra le diverse ipotesi d’intervento, dopo la chiusura del plesso per problemi strutturali avvenuta l'estate dello scorso anno.

Il costo totale si aggira sui 3,6 milioni di euro

L’alternativa, auspicata fino a pochi giorni fa, era il finanziamento attraverso i fondi del Pnrr cui il Comune di Villasanta aveva presentato domanda nel febbraio 2022. Nei giorni scorsi sono state pubblicate le graduatorie e l’intervento di demolizione e ricostruzione della Tagliabue di Villasanta, per un costo di circa 3milioni e 600mila euro, non rientra tra quelli finanziati (nessun progetto presentato dai comuni in provincia di Monza e Brianza riservato alle scuole dell’Infanzia è stato inserito nei primi posti della graduatoria). Diventa dunque definitiva la soluzione del finanziamento interno della progettazione preliminare.

 

Esclusi dal Pnrr anche i costi per il prefabbricato alla Villa

La graduatoria dell’avviso pubblico esclude dai contributi del Pnrr anche il prefabbricato che verrà collocato presso la primaria A.Villa, per garantire al plesso spazi idonei come da indicazioni di Ats. Il Comune aveva chiesto, all’interno del Pnrr, 320mila euro, ma lo scorso luglio, con il ritardo nella pubblicazione delle graduatorie, l’Amministrazione aveva deciso di procedere con risorse proprie per non dover aspettare altro tempo, prevedendo il rischio che il finanziamento non venisse concesso. Come è stato. Su questo fronte volgono al termine i lavori di scavo per la piattaforma in calcestruzzo che farà da base al prefabbricato nella parte di giardino tra dia Ada Negri e via Battisti.

"La scuola verrà realizzata comunque"

"La costruzione di una nuova scuola è un intervento molto oneroso per un’amministrazione comunale - ha sottolineato il vicesindaco Gabriella Garatti - Per questo l’opportunità del finanziamento tramite Pnrr non poteva essere trascurata. Abbiamo dovuto attendere i tempi del Ministero che ha pubblicato le graduatorie in pieno agosto. Purtroppo l’intervento non è stato finanziato, ma la scuola verrà realizzata comunque, come abbiamo sempre spiegato. Siamo consapevoli che per la comunità queste tempistiche sono lunghe e creano disagio, ma ricordiamoci sempre che stiamo gestendo una situazione di emergenza contingente e contemporaneamente la fase progettuale per una nuova scuola. Lo facciamo in costante confronto con la scuola, ottimizzando gli spazi di tutto l’Istituto Comprensivo che sono spazi idonei perché già destinati alle attività scolastiche. Dietro ogni scelta, ci sono valutazioni e iter burocratici lunghi che non sempre hanno modo di emergere. Le priorità condivise con genitori e personale scolastico restano la sicurezza e il benessere di bambini e ragazzi".

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie