Bufera

Seveso, Consiglio comunale annullato: Forza Italia e Fratelli d'Italia non si presentano

Le opposizioni lasciano dopo l'appello, il resto della maggioranza punta il dito contro la Lega.

Seveso, Consiglio comunale annullato: Forza Italia e Fratelli d'Italia non si presentano
Politica Seregnese, 16 Giugno 2021 ore 23:28

Seveso, Consiglio comunale annullato: Forza Italia e Fratelli d'Italia puntano il dito contro la Lega e non si presentano. Le opposizioni lasciano dopo l'appello.

Salta il Consiglio

Quello di questa sera, mercoledì 16 giugno 2021, doveva essere il Consiglio comunale dell'approvazione dell'esercizio finanziario 2020, della variazione al bilancio di previsione 2021-2023, delle risposte ad alcune mozioni presentate all'opposizione. Non è stato niente di tutto ciò. E' stato semplicemente il Consiglio della presentazione del nuovo comandante di Polizia Locale, Roberto Curati, dopodiché il segretario Norberto Zammarano ha chiuso la seduta una volta che i consiglieri di opposizione presenti sono usciti dall'aula.

"Mai stati coinvolti nelle decisioni"

La bomba è scoppiata nel tardo pomeriggio. A lanciarla Fratelli d'Italia e Forza Italia, componenti della maggioranza insieme alla Lega e alla lista Allievi Sindaco, con i rispettivi consiglieri e assessori che hanno deciso di non presentarsi in aula. Il motivo lo hanno spiegato direttamente i consiglieri Alessandra Bernini e Weruska Iannotta (Forza Italia), Ferruccio Ferro (Fratelli d'Italia) e il portavoce cittadino di Forza Italia Alfredo Pontiggia. "Non siamo mai stati coinvolti nelle decisioni prese dalla maggioranza. Le votazioni sono state vinte dalla coalizione, ma gli alleati non sono mai stati coinvolti. La decisione di non presentarsi in Consiglio è perché la Lega possa capire che le scelte vanno condivise. Negli ultimi due mesi, con il sindaco malato per Covid, non abbiamo mai avuto incontri con il resto della maggioranza", hanno dichiarato.

Dal Bosco alla ferrovia: le ragioni

Ma quali sono le scelte in questione? Cinque gli argomenti che hanno portato il resto della maggioranza a prendere questa decisione. "Il primo è il Bosco delle Querce, con l'intenzione di dare la gestione del Bosco al Parco delle Groane e di portare lì gli uffici comunali. Ci sono stati incontri con la Regione, ci domandiamo chi si sia presentato", hanno affermato i consiglieri. Altri punti sono relativi all'ex area Allocchio Bacchini: "Non capiamo la posizione della Lega. Le carte sono emerse ancor prima della proposta" e delle ex piscine: "Non sapevamo nulla del progetto. Perché realizzare un ristorante e non puntare maggiormente sulle attività sportive?". E poi il discorso ferrovia: "La volontà della Lega era quella di mantenere il passaggio a livello di via Dante aperto, poi di realizzare un sovrappasso a passaggio a livello chiuso. Ora, da progetto, non ci sarà il sovrappasso e le barriere resteranno giù. Non ci sono mai state riunioni, se non tra l'Amministrazione e Regione. Ma noi non siamo stati informati di nulla". Il quinto tema che fa discutere è quello del Suap (Sportello Unico delle Attività Produttive): "Nel programma elettorale si parlava di nessun aumento per i cittadini".

Le opposizioni lasciano il Consiglio

Vista la mancata presenza in Consiglio del resto della maggioranza, ma anche dei due consiglieri della lista civica MuoviAmo Seveso, Clemente Galbiati e Michele Zuliani, dopo l'appello l'ex sindaco Paolo Butti ha preso parola: "Il Consiglio di oggi è particolarmente delicato per gli argomenti, come il bilancio. La maggioranza non è in grado di garantire il numero legale". La seduta sarebbe stata ugualmente valida nel caso in cui fosse stata presente almeno la metà dei consiglieri, ma con l'uscita dall'aula di Pd, Gruppo Butti e Movimento 5 Stelle, il Consiglio si è chiuso senza procedere con alcuna discussione.

Necrologie