Le novità

Tari 2021 Usmate Velate: sgravi per le utenze non domestiche fino al 45%

Confermata anche la dilazione del pagamento: prima rata entro il 30 settembre, seconda rata a dicembre

Tari 2021 Usmate Velate: sgravi per le utenze non domestiche fino al 45%
Politica Vimercatese, 29 Giugno 2021 ore 09:49

Tari 2021 Usmate Velate: sgravi per le attività costrette alla chiusura nei primi mesi del 2021 e la conferma della dilazione nei pagamenti con prima rata entro il 30 settembre e seconda rata a metà dicembre. Sono alcune delle principali novità approvate dal Consiglio Comunale nel corso della seduta di lunedì 28 giugno.

Tari 2021 Usmate Velate: agevolazioni per le imprese

“Con le decisioni prese nel 2021 il Comune di Usmate Velate dimostra di controllare i costi e l’efficienza del servizio, scegliendo una strada che va nella direzione di aiutare ancora una volta le piccole, medie e grandi imprese che danno lavoro sul nostro territorio – afferma Marcello Ripamonti, assessore con delega al Bilancio – Avremo solo un lievissimo rialzo della tariffa per le utenze non domestiche, quantificabile fra il 5 e il 10% per la stragrande maggioranza delle famiglie residenti a Usmate Velate. A fronte di questo, il comune di Usmate Velate rimane all’avanguardia per la raccolta differenziata con percentuali da record nella Provincia di Monza e della Brianza. Per questo, l’invito è a considerare il beneficio ecologico molto più grande e importante di quello economico: differenziare serve per garantire un futuro al nostro pianeta e alle giovani generazioni la strada con più efficacia”.

La dilazione dei pagamenti

Come anticipato, confermate le tempistiche dello scorso anno con la dilazione del pagamento che va – come accaduto nel 2020 – a beneficio di tutti ma soprattutto delle attività commerciali che anche nella prima metà del 2021 hanno sofferto a causa delle chiusure imposte dalla pandemia. La stessa tempistica sarà comunque valida anche per le utenze domestiche: i bollettini di pagamento arriveranno a casa dopo l’estate e ricorderanno la necessità di versare la prima rata entro il 30 settembre, per poi completare quanto dovuto entro il 15 dicembre.

Per le utenze non domestiche

L’impegno dell’Amministrazione Comunale si è tradotto in una riduzione dell’importo della TARI per il 2021 per le utenze non domestiche. Complessivamente il calo della tariffa potrà toccare punte del 45%. Questo è stato possibile grazie a trasferimenti statali (53.000 euro) e a risorse statali prudentemente accantonate lo scorso anno (24.000 euro) che il Comune ha specificatamente destinato per sgravi per le attività che più hanno sofferto la Zona Rossa,
Arancione e Gialla di inizio 2021.

Per le utenze domestiche

L’incremento per le utenze domestiche oscilla fra il 5 e l’8% e giunge dopo il mantenimento inalterato delle tariffe nel corso del 2020. Una scelta obbligata per l’Amministrazione Comunale che si è adeguata a quanto previsto dal DL 116/2020. La nuova normativa prevede infatti che “le superfici dove si svolge la lavorazione industriale sono escluse dall’applicazione dei prelievi su rifiuti (comprese i magazzini di materie prime e merci collegati alla attività produttiva)”.

Per il comune di Usmate Velate, l’introduzione della normativa significa che gli 89mila euro di gettito che venivano garantiti da utenze industriali deve ora obbligatoriamente essere “spalmato” sulle altre utenze.

“Si tratta quindi di un lieve aumento, in termini assoluti parliamo di circa 15 euro per nucleo familiare - aggiunge l’assessore Ripamonti - unicamente dettato da un adeguamento normativo al quale non ci si poteva sottrarre. In assenza della modifica legislativa, la tariffa sarebbe rimasta sostanzialmente identica”.

(in foto Marcello Ripamonti, assessore con delega al Bilancio)

Necrologie