mensa scolastica

Chiuso il procedimento Anac sul servizio mensa a Desio. Rilevati vizi nel contratto 2015

Comune e concessionario al lavoro per una soluzione. Garantita la continuità del servizio.

Chiuso il procedimento Anac sul servizio mensa a Desio. Rilevati vizi nel contratto 2015
Desiano, 10 Aprile 2020 ore 10:41

Si è concluso il procedimento con ANAC, in merito all’esposto presentato nel 2017, relativo alla proroga dell’appalto mensa a CIR-FOOD del 2015. Dall’istruttoria ANAC emergono alcuni vizi relativi al contratto firmato nel 2005.

Chiuso il procedimento Anac sul servizio mensa a Desio

Le conclusioni a cui giunge ANAC alla fine della sua istruttoria, durante la quale il Comune di Desio ha sempre collaborato pienamente e con la massima trasparenza, fanno emergere che alcune clausole previste nel contratto originario (2005), alla base delle quali il concessionario nel 2015 richiedeva un riequilibrio finanziario, non erano conformi. 

Il Comune di Desio, partendo dal presupposto dell’assoluta legittimità del contratto sottoscritto nel 2005, regolarmente firmato e registrato e che veniva ormai applicato da quasi dieci  anni, in relazione alla suddetta richiesta di riequilibrio presentata dal concessionario, al fine di abbassare i costi a carico degli utenti e del Comune, nel 2015, attraverso una proroga decennale del contratto, aveva diluito il debito su ulteriori 10 anni, ottenendo nel contempo una riduzione del costo del servizio mensa scolastica.

A fronte delle conclusioni dell’istruttoria di ANAC, considerati gli storici rapporti di collaborazione con il concessionario dei servizi mensa, è da subito iniziata un’attività di natura tecnico legale, al fine di rimuovere le criticità evidenziate dalla deliberazione di ANAC, la quale, è opportuno evidenziare, non ha imposto all’Ente obblighi specifici, ma raccomandazioni di adeguamento del contratto vigente alle norme.

“Ora un accordo con il concessionario”

“In queste settimane di emergenza Covid – spiega il Sindaco Roberto Corti – la mensa è chiusa. Ciò nonostante, anche se il Comune lavora a ranghi ridotti, ci siamo comunque attivati per rispondere alle richieste dell’Autorità, che ha evidenziato criticità nella procedura e nelle azioni adottate dalle amministrazioni precedenti.  La cosa più importante sarà trovare ora un accordo con il concessionario, che ovviamente è stato informato di questa nostra volontà. La continuità del servizio mensa, non appena le scuole saranno riaperte, non è minimamente in discussione ed il servizio continuerà ad essere puntuale e di qualità, come è stato sino ad oggi”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia