Verso il 7 gennaio

La Lombardia chiede un rientro in classe più graduale. Allevi d’accordo

Si chiede di iniziare da un 50% degli studenti per poi passare al 60% e infine al 75% nelle settimane successive per valutare se le misure prese sono efficaci.

La Lombardia chiede un rientro in classe più graduale. Allevi d’accordo
Scuola Monza, 22 Dicembre 2020 ore 16:59

In vista del rientro in classe degli studenti previsto per il 7 gennaio sono ancora molte le incognite. Il 7 gennaio è la data di ripresa delle scuole, con le superiori che dovranno riprendere le lezioni con il 75% degli studenti in presenza. Una ripresa su cui in Brianza, in queste settimane, ha lavorato molto il Tavolo che fa capo al Prefetto Patrizia Palmisani. Grazie a questo tavolo infatti si è predisposto un doppio turno di ingresso degli studenti a scuola, distanziato l’uno dall’altro da 60 minuti. Inoltre il trasporto pubblico locale verrà potenziato del 20% negli orari di punta.

La Lombardia chiede un rientro in classe più graduale. Allevi d’accordo

Restano però alcune incognite, come sottolineato dal sindaco di Monza Dario Allevi proprio oggi durante la conferenza stampa di fine anno. La principale riguarda il fatto che fino a che i ragazzi non ritorneranno sui banchi di scuola non si può sapere con esattezza con che mezzi si muoveranno, se con gli autobus o autonomamente.

“Fontana ha scritto una lettera ai ministri Azzolina e De Micheli, a cui non c’è ancora risposta, chiedendo un rientro in classe dei ragazzi più graduale, iniziando da un 50% degli studenti per poi passare al 60% e infine al 75% nelle settimane successive per vedere sul campo se le misure prese hanno efficacia. Sono d’accordo – ha detto Allevi.

Anche perché in Brianza, con i problemi sul trasporto pubblico che si sono verificati nei mesi scorsi, i ragazzi non sono mai rientrati al 75%, al massimo al 50% alternando lezioni in classe e lezioni da casa. Occorre quindi analizzare bene i flussi e mantenere costante il livello di sicurezza.

La questione metropolitana

Sempre sui trasporti, ha spiegato Allevi nel corso della conferenza, nel 2020 è andato avanti il lungo iter della metropolitana.
“Dal 22 dovrebbero arrivare le risorse più importanti dei 900milioni di euro del Governo e dei 300milioni stanziati da Regione Lombardia per la metro a Monza. Per far sì che la città fosse presente abbiamo chiesto se anche noi come Comune dobbiamo mettere una parte subito del finanziamento, ma ci è stato chiesto di aspettare. Nel 2021 gli stanziamenti sono coperti da Roma, dal 2022 partiremo anche noi con i versamenti. Per noi la metro é opera prioritaria”.
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità