Scuola
Scuola

L'assessore regionale in visita a In-Presa di Carate Brianza

Domani, martedì 5 ottobre Stefano Bolognini incontra docenti e ragazzi della cooperativa di via Emilia Vergani.

L'assessore regionale in visita a In-Presa di Carate Brianza
Scuola Caratese, 04 Ottobre 2021 ore 14:54

L'assessore regionale allo Sviluppo Città Metropolitana, Giovani e Comunicazione sarà in visita a Carate Brianza alla sede di In-Presa.

Bolognini a Carate Brianza

E' in programma domani, martedì 5 ottobre, la visita di Stefano Bolognini  che ritorna in Brianza dopo avere presenziato lo scorso fine settimana al taglio del nastro della nuova sede della cooperativa sociale a Giussano.

L'assessore regionale è atteso nel pomeriggio, attorno alle 14,15. Nell'occasione Bolognini si confronterà con ragazze e ragazzi su varie tematiche e visiterà i laboratori della cooperativa. Da anni In-Presa si occupa di formazione professionale,  con diversi corsi specializzati finalizzati all'inserimento lavorativo, aiuto allo studio per ragazzi delle scuole medie e delle scuole superiori a rischio di disagio sociale e in situazione di dispersione scolastica.

Fondata da Emilia Vergani

In-Presa ha origine dall’iniziativa di Emilia Vergani, compianta assistente sociale che nel 1994 decide di coinvolgere alcune famiglie a lei legate da profonda amicizia e i Servizi Sociali di Carate Brianza per proporre e sviluppare esperienze di affido diurno, formazione e inserimento lavorativo di ragazzi in situazione di difficoltà sociale, scolastica e lavorativa.

Dalla passione educativa per i ragazzi a lei affidati e dal suo impeto a ricercare con tenacia e coraggio il volto buono del Mistero che fa e sostiene tutte le cose, nel novembre del 1997 nasce il centro In-Presa. Nel gennaio 1999 viene costituita Associazione In-Presa Onlus. Dal 2000, in seguito alla scomparsa della sua fondatrice, prende il nome di Associazione In-Presa di Emilia Vergani Onlus. Nel 2008 l’Associazione diventa Cooperativa Sociale In-Presa.

Con In-Presa collaborano oggi circa 350 tra artigiani e imprenditori della zona, che operano nei più svariati settori: meccanici, elettricisti, falegnami, gastronomi, pasticceri, carrozzieri, florovivaisti, tipografi.

 

Necrologie