Scuola
Evento conclusivo a Lissone

"Oggi cresco": premiato il team vincitore del progetto

A vincere è stata la squadra “Zevi” e capitanata da Ismail Arbouch, ex studente del Consorzio Desio Brianza

"Oggi cresco": premiato il team vincitore del progetto
Scuola Monza, 22 Settembre 2021 ore 08:54

Si è tenuta ieri, martedì, nel teatro di Palazzo Terragni a Lissone la premiazione del progetto "Oggi Cresco – Riprogettiamo con i giovani l’educazione finanziaria", presentato dalla Città del mobile in veste di capofila con la partnership dei Comuni di Desio e Seregno e finanziato da Regione Lombardia.

Oggi Cresco: l'iniziativa con le scuole

Presenti all’evento in veste di partner anche le delegazioni degli istituti scolastici superiori Meroni di Lissone e Parini di Seregno-Lissone, la Civica Scuola di Musica e Danza – Polo delle Arti di Desio e Associazione Live di Lissone.

E’ stata questa l’occasione per condividere i risultati delle attività realizzate nell’ambito di un percorso che, nonostante le difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, è riuscito, grazie all’impegno e alla collaborazione di tutti gli Enti e di tutte le persone coinvolte, nell’intento di affidare il nostro territorio ai giovani. Li abbiamo coinvolti in percorsi di cittadinanza attiva e ludica, promuovendo al tempo stesso attività a scopo educativo e formativo.

Hanno sottolineato il sindaco di Lissone Concetta Monguzzi e l'assessore alle Politiche giovanili Alessia Tremolada.

Il progetto

Nell’ambito del progetto è stato sviluppato “Ghost Pub”, gioco con un format basato sulla Interactive Educational Experience (IEE). Con questo progetto, le Amministrazioni promotrici e i partner aderenti si sono proposti di veicolare agli adolescenti alcuni dei concetti fondanti dell’educazione finanziaria, basandosi su un approccio di apprendimento attivo ed esperienziale.

Un progetto che poggia le basi su una oggettiva criticità: da tempo le scuole superiori del territorio manifestavano l’importanza di aiutare i ragazzi a comprendere il valore del denaro. Attraverso il gioco, è stato offerto ai giovani del territorio uno strumento per consolidare la propria consapevolezza degli strumenti finanziari.

La proposta si è infatti rivolta al target giovanile entrando direttamente in contatto con gli istituti scolastici del territorio. In particolare, è stata re-interpretata in chiave digitale la fortunata esperienza vissuta a Lissone nell’autunno del 2019, quando il format di una Escape Room dedicato al tema dell’inclusione fece registrare il tutto esaurito nel giro di pochi giorni. Come sempre in una escape room, anche se virtuale, l’esperienza potrà essere portata al successo solo se vi sarà la collaborazione tra i tutti i membri del gruppo.

I vincitori

I numeri raccontano il valore del progetto: oltre 550 ragazzi delle scuole del territorio - tra cui anche alcuni giovani del Centro di formazione professionale Consorzio Desio Brianza - sono stati coinvolti attivamente in attività e percorsi diversificati che hanno raggiunto lo scopo educativo-formativo, consentendo ai partecipanti di esercitare o maturare una maggior consapevolezza verso la tematica del risparmio. L’età media dei partecipanti è stata di 16 anni, tutti i team erano strutturati in squadre da 4 partecipanti ciascuna.

7 foto Sfoglia la gallery

Al termine della fase riservata al gaming, l’istituto Parini ha avviato un’attività di “Peer education” per trasmettere il senso del gioco ai coetanei usando un linguaggio adatto a raggiungere adolescenti e pre-adolescenti. Durante l’evento conclusivo è stato inoltre proiettato il video realizzato in collaborazione con gli studenti della Scuola Civica di Musica e Danza di Desio che ha saputo unire con maestria la musica all’economia.

Momento finale dell’evento, la premiazione del team di giovani primo classificato nella Interactive Educational Experience finanziaria “Ghost pub”. A vincere è stato il team denominato “Zevi” e capitanato da Ismail Arbouch, ex studente della classe 3 OMU (Operatore Macchina Utensili) del Consorzio Desio Brianza, risultato 1°classificato tra tutti i team degli oltre 500 ragazzi coinvolti, per aver completato la IEE ”Ghost Pub” con 7 minuti e 42 secondi di anticipo.

Il game interattivo

Partecipando al progetto, gli studenti hanno preso parte ad un game interattivo finalizzato a risanare i debiti di un pub sulla strada del fallimento, trovare correttivi fra lo sbilanciamento di entrate ed uscite, prospettare utili e ricavi, preventivare spese, scegliere tra investimenti alternativi e tra fonti di finanziamento per una gestione oculata e sostenibile delle risorse.

Ghost pub è nato infatti come game progettato e costruito per mettere alla prova gli studenti offrendo loro una applicazione pratica dei concetti teorici appresi. Il tutto in una atmosfera sfidante, una vera competizione contro il tempo in un ambiente virtuale e reale ricco di sorprese.

LEGGI L'EDIZIONE DIGITALE DEL GIORNALE DI MONZA

Necrologie