Sport
Calcio - Serie C

Beffa Seregno: con due pareggi è retrocessione

I brianzoli dovevano per forza vincere al Breda, ma non ci sono riusciti

Beffa Seregno: con due pareggi è retrocessione
Sport Seregnese, 14 Maggio 2022 ore 19:46

Il Seregno non fa l'impresa a Sesto san Giovanni e deve tornare in serie D.

Pro Sesto salva

Il Seregno ha perso il confronto playout con la Pro Sesto, valido per evitare la retrocessione in serie D. La squadra del duo Cau-Lanzaro partiva svantaggiata poiché - dopo l'1-1 dell'andata - i sestesi potevano far conto anche sul pareggio nella sfida di ritorno per ottenere la salvezza per via della miglior posizione in classifica al termine del campionato. Gli azzurri hanno sperato a lungo nell'esito positivo, essendo rimasti in vantaggio a lungo: il pareggio firmato dall'ex Renate De Sena nell'ultimo quarto di gara ha però condannato il Seregno, che torna così fra i Dilettanti dopo un'annata a dir poco travagliata.

Seregno, Cocco non basta

Nell confronto di sabato pomeriggio al Breda, la rete della speranza brianzola è stata quella del centravanti Andrea Cocco, andato a bersaglio dal dischetto nella fase iniziale della sfida. La Pro Sesto ha provato poi a reagire, senza però riuscire a trovare la via del gol, almeno nel primo tempo; anzi, era stato il Seregno ad andare più vicino a una nuova segnatura. Nella ripresa, però, è arrivata la rete dei biancocelesti di casa, che hanno poi conservato quel pareggio tanto favorevole a loro quanto beffardo per la formazione brianzola.

Si torna in serie D

Un anno fa, di questi tempi, si festeggiava la promozione in serie C dopo una splendida cavalcata nei Dilettanti. Ora, dopo i tanti problemi di gestione dello spogliatoio, un cambio di proprietà (il duo laziale Iurato-Coviello al posto di Davide Erba) e una stagione fatta di alti e parecchi bassi, il Seregno deve già uscire dalla scena del calcio professionistico, che era stata riconquistata dopo più di 40 anni di assenza. Con l'amarezza supplementare di dover incassare il verdetto della retrocessione senza aver perso neppure una partita nel doppio confronto.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie