Il presidente Erba ci ripensa e non vende il Seregno

Poche ore fa l'annuncio a sorpresa su Facebook: "Troppo legato a questi colori, l'impegno resta invariato".

Il presidente Erba ci ripensa e non vende il Seregno
Seregnese, 18 Gennaio 2020 ore 08:00

Ennesimo colpo di scena nel calcio azzurro. Il presidente Davide Erba ci ripensa e non vende il Seregno come aveva annunciato soltanto 48 ore prima. La comunicazione sul profilo Facebook del club.

Il presidente Erba non vende più il Seregno

Dietrofront. Il presidente Davide Erba ci ha ripensato e non vende il Seregno come aveva annunciato giovedì dopo la pesante sconfitta per 3-0 contro l’Arconatese. “La dirigenza del Seregno ha deciso di riconsiderare la drastica posizione assunta “a caldo”, dovuta alla frustrazione per l’assenza di risultati nel breve termine” si legge nel post pubblicato su Facebook.

Erba: “L’impegno resta invariato”

Sulla pagina Facebook del sodalizio azzurro si legge che “l’impegno del presidente, ormai troppo legato a questi colori, rimane invariato nel progetto di scalata delle categorie del calcio italiano, attraverso un percorso che richiede più tempo del previsto”. Diversi i messaggi di ringraziamento e sollievo dei tifosi seregnesi all’annuncio del presidente, in carica da meno di un anno con l’obiettivo dichiarato di riportare il Seregno nel calcio professionistico.

Ma la squadra arranca

Almeno per il momento i propositi di Davide Erba, noto imprenditore di origine monzese, sono lontani. La squadra partita per vincere il campionato di serie D si trova al nono posto nella classifica del girone B, a ben dodici lunghezze dalla coppia di testa composta da Pro Sesto e Legnano, e senza vittorie da undici turni. Il patron ha già sollevato dall’incarico due allenatori, Gianluca Balestri e Massimo Gardano. Ora in panchina siede  Zoran Gjorgiev.

Torna alla home page.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia