Sport
Ginnastica

Olimpiadi, Maggio e le azzurre conquistano una storica finale

L'Italia entra nelle migliori 8 Nazionali del concorso a squadre di Tokyo

Olimpiadi, Maggio e le azzurre conquistano una storica finale
Sport Vimercatese, 25 Luglio 2021 ore 12:19

Martina Maggio e l'Italia conquistano la finale alle Olimpiadi.

Risultato grandioso

Maggio e le compagne di squadra (Asia D'Amato, Alice D'Amato e Vanessa Ferrari) erano scese in pedana nella mattinata giapponese, quando in Italia era notte fonda, nella prima rotazione prevista dal programma delle qualificazioni. Il loro comportamento in gara è stato più che buono e, una volta che tutte le altre Nazionali hanno completato il loro programma, è maturato il verdetto: l'Italia entra nelle migliori 8 squadre che si giocheranno le medaglie nella finale del concorso a squadre, che si disputerà martedì.

Maggio, altro traguardo?

L'Italia di Martina Maggio contenderà i posti più rilevanti del panorama mondiale a Nazionali del calibro di Stati Uniti, Russia e Cina. Il risultato non è del tutto una sorpresa, visto che agli ultimi Mondiali le azzurre sono state terze, ma a Tokyo non c'è la brembatese Giorgia Villa, stella della squadra, rimasta a casa per un infortunio accusato una settimana prima di partire. Difficile, ma non impossibile, l'ingresso nelle migliori 24 nel concorso generale individuale: al momento Maggio è 22esima, ma devono ancora esibirsi le belghe e le tedesche. Se tre di loro faranno meglio di lei, la ginnasta brianzola sarà fuori dai Giochi, almeno per quel che riguarda le prove individuali.

Le parole della villasantese

"L'obiettivo era la squadra - ha detto Maggio nelle ore successive alla sua gara attraverso il sito di Federginnastica - Tutto ciò che veniva in più era guadagnato. È la nostra prima Olimpiade, un'emozione così non l'avevamo mai provata. Sono soddisfatta dei miei tre attrezzi iniziali, poi al corpo libero ho avuto un piccolo problema fisico che mi ha costretto a semplifcare l'esercizio. Già essere qua, però, è tanta roba".

Necrologie