Pallavolo

Vero Volley, l’Arena di Monza riapre agli spettatori

Le partite del 3 e del 4 ottobre saranno aperte al pubblico, con limitazioni

Vero Volley, l’Arena di Monza riapre agli spettatori
Monza, 23 Settembre 2020 ore 11:29

L’attesa è finita, l’Arena di Monza – palazzetto di casa delle squadre del Consorzio Vero Volley –  è pronta a riaprire al pubblico.

I campioni dal vivo

Con l’ordinanza di Regione Lombardia infatti, in vigore dal 19 settembre 2020 fino al 15 ottobre 2020, la casa della pallavolo monzese potrà finalmente riabbracciare il suo pubblico, fino ad un massimo di 700 spettatori. Un primo passo in avanti, in vista di tornare gradualmente ad ampliare la capienza e poter accogliere tutti gli appassionati. Il ritorno degli spettatori nel palazzetto di viale Stucchi è previsto per il fine settimana del 3 e 4 ottobre, visto che le due prime squadre del Consorzio giocano entrambe in casa.

Arena di Monza, subito una doppietta

L’Arena di Monza riaprirà al pubblico con due appuntamenti da non predere. Sabato 3 (con inizio alle 18) andrà in scena l’ormai tradizionale, e molto sentito, derby fra Vero Volley Monza e Allianz Milano, per quel che riguarda il campionato di Superlega maschile. Il giorno dopo, domenica 4, toccherà alle ragazze della Saugella Monza, che sono partite alla grande nel campionato di serie A1 vista la vittoria di domenica scorsa su Busto Arsizio: Alessia Orro e compagne sfideranno, con inizio alle 17, la formazione de Il Bisonte Firenze.

Alessia Orro pallavolo Arena di Monza
Alessia Orro in azione

 

Come si fa ad andare?

“Tutte le informazioni dettagliate su come poter essere presenti all’Arena (tramite abbonamento annuale o acquisto di tagliando) saranno diffuse nei prossimi giorni”, fa sapere il Consorzio Vero Volley. Insomma, tifosi e appassionati stiano all’erta: fra qualche giorno si potrà tornare a vedere lo spettacolo della grande pallavolo dal vivo, all’Arena di Monza.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia