Sport
Serie A

Palladino verso Fiorentina-Monza: «Possiamo giocarcela contro tutti»

Domani out Rovella e Donati, il mister annuncia novità dal punto di vista tattico. Sensi presto in gruppo e sul futuro di Gytkjaer in biancorosso...

Palladino verso Fiorentina-Monza: «Possiamo giocarcela contro tutti»
Sport 03 Gennaio 2023 ore 16:55

Nella sala stampa che l'AC Monza ha voluto intitolare al decano dei giornalisti biancorossi Giancarlo Besana (venuto a mancare nel marzo del 2020), è andata in scena la conferenza stampa pre Fiorentina-Monza. La gara, valida per la 16esima giornata del Campionato di Serie A, si giocherà allo stadio Franchi di Firenze domani, mercoledì 4 gennaio alle ore 18.30: è la prima di un ciclo "terribile" che vedrà i biancorossi scendere in campo sei volte nel mese di gennaio (cinque partite di campionato, più gli ottavi di finale di Coppa Italia contro la Juventus in programma il 19 gennaio alle 21).

Verso Fiorentina-Monza, per Palladino c'è bisogno di tutti

Mister Raffaele Palladino si presenta dicendo che in questa fase preferisce parlare poco di calcio mercato, anche se è consapevole che nelle prossime srettimane la rosa dovrà essere sfoltita, e annuncia che presto Stefano Sensi, reduce dal brutto infortunio rimediato contro il Verona il 6 novembre scorso (frattura malleolo-peronale), tornerà a lavorare con la squadra: un recupero per gradi ma comunque a tempo di record. «Avremo un mese di gennaio "terribile" - afferma il tecnico - per il quale c'è bisogno del contributo di tutti. In ogni caso, dopo la pausa, ho ritrovato dei ragazzi pronti a dare il 100%».

Gytkjaer in partenza?

A questa domanda il mister non risponde direttamente perché «il mercato è imprevedibile», ma assicura di avere già dato le sue disposizioni, sottolineando che questo è un gruppo solido, che ha dato soddisfazioni e che deve essere toccato il meno possibile. Significa che il Vichingo resterà? Come diceva il poeta (lombardo) "ai Posteri l'ardua sentenza".

Verso Fiorentina-Monza: cambio di modulo per la partita contro la Viola?

Sì, forse già dalla partita contro la Fiorentina potremo vedere qualche novità tattica: «Durante le amichevoli abbiamo provato qualcosa di nuovo, abbiamo provato a sviluppare i quattro dietro, soluzioni offensive diverse e rotazioni differenti. Penso che già domani qualcosa si vedrà». Parlando delle posizioni in campo, il mister sottolinea poi come Pessina arretrato sulla linea dei quattro stia facendo giocare bene la squadra: «E' intelligente, crea superiorità - sottolinea Palladino - Ciò non toglie che, comunque, il nostro capitano possa giocare ovunque».

Italiano, un allenatore da cui trarre ispirazione

Che dire su Vincenzo Italiano, allenatore della Fiorentina? «Per me è un onore affrontarlo - risponde il mister biancorosso - Penso che sia uno dei migliori allenatori in Italia. Per me è anche fonte di ispirazione: è coraggioso, fa giocare bene le sue squadre, dà intensità, accetta i duelli a tutto campo. Lo stimo molto e, personalmente, non vedo l'ora di giocare questa partita".

Situazione infortunati, Rovella e Donati out

A parte Sensi, la squadra sta bene. «Solo Rovella è out a causa dello scontro di gioco che gli è capitato nell'amichevole contro il Torino (dopo il rigore che si è procurato, ndr). Purtroppo ha avuto un problema all'anca che stiamo monitorando. Anche Donati non sarà della partita a causa di un affaticamento muscolare che stiamo valutando. Petagna, invece, è stato pienamente recuperato».

Come ha condotto questa insolita preparazione?

«In questa pausa di 50 e più giorni ho voluto fare un mini-ritiro, una sorta di richiamo della preparazione estiva (che era stata seguita dal suo predecessore, Giovanni Stroppa). Poi mi sono confrontato tanto anche con altri allenatori per capire come loro stavano affrontando questo momento. C'è chi ha preferito giocare molto come la Fiorentina e il Torino e chi ha fatto qualcosa di diverso. Personalmente ho voluto giocare amichevoli contro avversari in grado di metterci in difficoltà per riuscire a identificare i nostri limiti e porvi riparo. Ho chiesto apposta di giocare contro squadre come Lione e Torino per capire su cosa dobbiamo lavorare». Speriamo dunque che degli errori commessi in occasione della sconfitta per 1 a 4 in casa contro il Toro, nell'amichevole di mercoledì 28 dicembre, si sia fatto tesoro.

Fiorentina-Monza: giocare a viso aperto

Infine, chiedono al mister perché il Monza non pareggia mai: «Perché mi piace giocare a viso aperto - risponde - Una mentalità che sta subentrando anche nei ragazzi. A me non piace entrare in campo sconfitto in partenza e percepisco che adesso anche i ragazzi ci credono. Anche a Firenze, contro una squadra forte, dobbiamo arrivare sapendo che noi possiamo giocarcela con chiunque. Ho già detto che in questa seconda parte di stagione arriveranno anche i momenti difficili in cui dovremo essere bravi ad azzerare subito le sconfitte e a prendere le vittorie con il giusto entusiasmo. Per quanto riguarda il pareggio, se alla fine arriverà lo porteremo a casa e ben venga».

I convocati

Mister Palladino al termine della rifinitura ha convocato 26 giocatori per Fiorentina-Monza. Di seguito la lista completa: 3 Pablo Marí, 4 Marlon, 5 Caldirola, 7 Machin, 8 Barberis, 9 Gytkjaer, 10 Valoti, 16 Di Gregorio, 17 Caprari, 19 Birindelli, 22 Ranocchia, 26 Antov, 28 Colpani, 30 Carlos Augusto, 32 Pessina, 37 Petagna, 38 Bondo, 44 Carboni, 47 Mota Carvalho, 55 Izzo, 60 Colombo, 77 D'Alessandro, 80 Vignato, 84 Ciurria, 89 Cragno, 91 Sorrentino.

Seguici sui nostri canali
Necrologie