Tempo libero
Tradizione

Renate si colora ancora d'azzurro: «Le Sorgenti» vincono il Palio

La contrada ha bissato il successo dello scorso anno. Ieri sera, domenica, le premiazioni

Renate si colora ancora d'azzurro: «Le Sorgenti» vincono il Palio
Tempo libero Caratese, 19 Settembre 2022 ore 10:48

«Le Sorgenti» si aggiudicano la 43esima edizione del Palio Renatese. Ieri sera, domenica 18 settembre, la contrada azzurra è salita di nuovo sul gradino più alto del podio con tanto di applausi per la meritata vittoria. Vittoria conquistata anche lo scorso anno.

1663576701694
Foto 1 di 4
1663576701706
Foto 2 di 4
1663576701718
Foto 3 di 4
1663576701681
Foto 4 di 4

Quattro contrade in gara

Un paese intero nell’ultima settimana si è colorato di giallo, rosso, azzurro e verde per supportare le quattro contrade che si sono date battaglia come tradizione vuole: oltre a «Le Sorgenti», «Turiom» (medaglia d’argento), «Garibaldina» (medaglia di bronzo) e «Gesola».
Giochi di un tempo passato, gare canore, il quizziere, la staffetta podistica e ciclistica. E poi, ancora, il servizio ristorazione e le «Contrade per la solidarietà», l’evento che sabato l’altro ha aperto il Palio, raccogliendo ben 2 mila euro da destinare alla popolazione di Haiti tramite suor Gabriella Orsi che vi opera da anni. Dopo lo «stop» e le limitazioni imposte dalla pandemia, l’edizione numero 43 ha regalato tanto entusiasmo con una serie di iniziative per grandi e piccoli dislocate negli spazi dell’oratorio e in piazza Zanzi.

Il ritorno della corsa degli asini

La kermesse renatese quest’anno è stata caratterizzata da un piacevole ritorno, la corsa degli asini che nel pomeriggio di domenica ha entusiasmato il pubblico. Il Palio resta un esempio di come un paese intero, per una settimana, si riunisca per dare vita ad una serie di eventi ricchi di tradizione. Merito del comitato organizzatore: una macchina ben oliata composta da volontari instancabili che lavora per mesi per onorare la tradizione.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie