Attualità
Quartiere San Rocco

Integrazione contro i pregiudizi: la storia di "Costa" è un esempio

Arrivato nel 2002 senza soldi né un lavoro, ha fatto l'idraulico e il barista: oggi fa l'autotrasportatore dà lavoro ad altri sei dipendenti.

Integrazione contro i pregiudizi: la storia di "Costa" è un esempio
Attualità Monza, 03 Febbraio 2022 ore 17:32

Una storia di integrazione emblematica, che sfida i pregiudizi e luoghi comuni, che convince anche il più diffidente nei confronti degli immigrati. E’ la vicenda umana e personale di Constantin Ageroaiei, 42 anni, per molti "Costa": arrivato in Italia dalla Romania nel 2002 e stabilitosi da subito a Monza nel quartiere San Rocco. Il suo punto di vista, di straniero perfettamente integrato nel tessuto sociale nostrano, offre numerosi spunti di riflessione sociali ed economici.

Self-made-man

Constantin è il classico esempio di self-made-man: "Lavorare non mi ha mai fatto paura. Sono arrivato senza un soldo ma mi sono sempre dato da fare: ho fatto l’idraulico, poi il barista, il trasportatore... Adesso ho una ditta mia con sette camion ma non mi fermo, continuo anch’io a guidare tutto il giorno per le consegne. Ho sei dipendenti e sto cercando di portare in Italia ancora un altro autista dall’Ucraina perché c’è possibilità con il Decreto flussi. Tutti i miei camionisti sono stranieri, neanche un italiano. Perché? Gli italiani non sopportano certi ritmi, rispondono che lavorare dodici ore al giorno è troppo... Da quando c’è il reddito di cittadinanza non vuole lavorare più nessuno! Io non voglio certo sfruttare i miei collaboratori, se c’è da mangiare per me ce n’è anche per te..."

Da Brivio&Viganò

Adesso è un buon periodo, con un lavoro continuativo alla ditta “Brivio&Viganò” di Pozzuolo Martesana. "E’ un’ottima realtà - sono sempre parole di Costa - i dirigenti sono brave persone e pagano sempre puntuali. Attualmente mi sto occupando soprattutto di trasporto merci a temperatura (alimentari in frigo, ndr)". Il successo lavorativo va di pari passo con l'integrazione sociale. Prova ne sia la volontà di mettere radici in Italia fondando una sua impresa, la cooperativa di trasporti Europa General Service. Di conseguenza la decisione di comprare casa a Monza: "Il quartiere di San Rocco è bello, mi piace".

Questa dunque la storia di Costantin, che azzera i pregiudizi e spinge all'integrazione. Il servizio completo è sul Giornale di Monza in vendita in tutte le edicole di Monza e circondario.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Omicidio stradale: niente sconti per la morte di Fumagalli

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie