Cronaca
La disposizione

Allontanati due albanesi socialmente pericolosi

I due stranieri erano irregolari e uno viveva nell'illegalità da oltre vent'anni

Allontanati due albanesi socialmente pericolosi
Cronaca Monza, 12 Agosto 2022 ore 15:20

Socialmente pericolosi e condannati per reati contro il patrimonio, la persona e in materia di stupefacenti: due albanesi sono stati allontanati dalla Questura di Monza e Brianza

Due albanesi allontanati  

Nell’ambito delle attività di prevenzione generale e vigilanza effettuate dalla  Questura di Monza e della Brianza, tra sabato 6 agosto e venerdì 12 il Questore di Monza e della Brianza Marco Odorisio ha disposto l’esecuzione dell’espulsione dal territorio nazionale di due cittadini albanesi entrambi irregolari, socialmente pericolosi,  rispettivamente con l’accompagnamento e il collocamento da parte di agenti dell’Ufficio Immigrazione al CPR  di Milano ed alla frontiera aerea di Bergamo, per il secondo, con  imbarco sul volo aereo per Tirana e definitivamente rimpatriato.

In particolare, uno dei cittadini albanesi, 41enne arrivato in Italia da più di vent’anni, ha vissuto sempre nell’illegalità, rendendosi responsabile di numerosi reati e più volte condannato per reati contro il patrimonio tra cui rapine e furti aggravati, reati contro la persona e per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Già espulso nel 2007, a seguito di misura di sicurezza dopo la scarcerazione, era rientrato continuando a vivere nell’illegalità e irregolarmente sul territorio nazionale.

Il 7 febbraio, era stato arrestato per un ordine di esecuzione pena per il reato di spaccio di stupefacenti e, dopo aver scontato la pena detentiva nella Casa circondariale di Monza, è stato dichiarato socialmente pericoloso dall’Ufficio di Sorveglianza di Milano, che ha disposto la misura di sicurezza dell’espulsione.

I due  non potranno rientrare e soggiornare nel territorio degli Stati membri della Unione Europea e Stati Schengen prima che siano decorsi 5 anni dall’allontanamento.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie