Asfalti Brianza, aria irrespirabile, altra notte da incubo

Asfalti Brianza, aria irrespirabile, altra notte da incubo. Decine e decine le segnalazioni dei residenti di Sant'Albino, ma anche di altri quartieri

Asfalti Brianza, aria irrespirabile, altra notte da incubo
03 Luglio 2020 ore 09:13

Asfalti Brianza, aria irrespirabile, altra notte da incubo. Decine e decine le segnalazioni dei residenti non solo di Sant’Albino, ma anche da altri quartieri della città.

Asfalti Brianza, notte da incubo

Quella trascorsa a cavallo di oggi venerdì 3 luglio 2020 è stata una nottata da incubo per i residenti di Sant’Albino, i più interessati dagli odori provenienti dalla ditta di asfalti situata nel territorio di Concorezzo. Un tormentone che da mesi e mesi vede impegnati i due Comuni nel cercare di trovare una soluzione alle lamentele e alle preoccupazioni della gente. L’altra settimana c’era stato anche un flash mob che era partito proprio dal quartiere, mentre la vicenda in questi ultimi giorni ha di nuovo fatto capolino nei Consigli comunali di Concorezzo e Monza.

Il grido d’allarme: qui si muore

Come detto, quella di questa notte è stata una nottata da incubo per l’aria irrespirabile segnalata dai residenti della zona. Tanto che poco prima dell’alba, qualcuno esasperato e prima di iniziare a sua volta la giornata lavorativa ha lanciato l’allarme scrivendo in maniera inequivocabile: “Qui a Sant’Albino si muore avvelenati stanotte”. Ma, a detta, dei residenti sarebbe già da due giorni che la situazione è tornata intollerabile. E in tanti di fatto hanno lanciato un nuovo appello al sindaco di Concorezzo Mauro Capitanio e al sindaco di Monza Dario Allevi.

Asfalti Brianza, aria irrespirabile in tutta la città

In realtà, forse complice il vento per la perturbazione che interessato a metà serata Monza e la Brianza, l’aria irrespirabile come del resto in altre occasioni si è avvertita anche in altre zone della città: San Rocco, Cederna fino addirittura a San Fruttuoso e viale Lombardia. Segnalazioni sono arrivate anche da residenti di Arcore. E il caldo di questi giorni con le finestre inevitabilmente lasciate aperte da molti di sera e di notte si sta rivelando un ulteriore fattore negativo. A darne testimonianza anche il consigliere comunale di Civicamente Paolo Piffer: “Ho ricevuto decine di segnalazioni dai cittadini di diverse zone di Monza. Serve far qualcosa di coraggioso e serve farlo subito”.

Asfalti Brianza, tra Consigli comunali e commissioni ad hoc

Come detto la vicenda ha tenuto banco (non senza polemiche soprattutto a Concorezzo) nei Consigli comunali delle due città. Martedì sera a Monza si è tenuta una seduta ad hoc della Commissione Sicurezza e Territorio. Il gruppo di lavoro attende l’esito della Conferenza di Servizi in programma settimana prossima. La Commissione ha evidenziato come possibile strategia concordata con Concorezzo di cercare di far traslocare l’azienda in un’area meno abitata. Una soluzione che fa comunque arricciare il naso a molti considerando il chilometraggio di propagazione degli odori. Il tutto mentre comunque anche gli ultimi rilievi effettuati sembrano non evidenziare la nocività dell’aria, ma solo la sensazione nauseabonda, esattamente come era stato rilevato per anni con il depuratore di San Rocco a Monza.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia