Emergenza

Distribuzione delle mascherine: a Vimercate scoppia la polemica

Cristina Biella (Forza Italia): "Modalità assurde, si rischiano assembramenti"

Distribuzione delle mascherine: a Vimercate scoppia la polemica
Vimercatese, 08 Aprile 2020 ore 11:27

La distribuzione delle mascherine offerte da Regione Lombardia è iniziata solo ieri, ma a Vimercate già scoppia la polemica.

L’Amministrazione comunale ha infatti invitato le famiglie che ne sono sprovviste a ritirare i dispositivi di protezione individuale della cui consegna se ne stanno occupando in queste ore i volontari della Protezione civile e di Avps in diversi punti della città. Un’iniziativa che però ha creato qualche allarme da parte delle forze politiche di opposizione, preoccupate dalle modalità con cui la distribuzione è stata messa in atto.

“Modalità assurda”

A dare voce alla preoccupazione è Cristina Biella, capogruppo di Forza Italia, che ha lanciato un duro j’accuse all’indirizzo dell’Amministrazione, rea di non aver preso le necessarie precauzioni per evitare code e assembramenti e di non aver tenuto conto delle reali necessità della cittadinanza.

“Quella attuata è una modalità di distribuzione assurda. Si invita la gente a uscire di casa (e già questo è sbagliato perchè c’è un decreto dello Stato che lo vieta), lo si invita a fare senza mascherina e per di più mettendosi in fila con grave pericolo di assembramento. Senza contare che una mascherina per nucleo famigliare è più dannosa che salutare poiché deve essere cambiata dopo poche ore e non scambiata tra membri delle famiglia per non diventare  veicolo di contagio. Inoltre andavano privilegiate le famiglie più bisognose e gli anziani. Visto come è andata la distribuzione, con poche persone in fila, bisogna solo ringraziare i cittadini che sono stati più responsabili di chi ha preso questa assurda decisione.”

E Cascina del Bruno?

Ma il filo della polemica corre anche sull’annosa questione legata alle frazioni, in particolare Cascina del Bruno, che nel calendario della distribuzione non è stata considerata. Anche in questo caso Biella si è scagliata contro l’Amministrazione, rimarcando la poca attenzione verso i cittadini della località al confine con Arcore.

“Dopo aver isolato Cascina del Bruno chiudendo la strada della Santa, ora neppure calcola i suoi abitanti per la distribuzione delle mascherine. Poi non ci vengano a dire che Cascina del Bruno non è isolata.”

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia