Cronaca
Varedo

Incendio area ex Snia, nuove rilevazioni di Arpa

Al sopralluogo di questa mattina, lunedì, anche Ats e il vicesindaco Fabrizio Figini: "Non sono emersi valori preoccupanti"

Incendio area ex Snia, nuove rilevazioni di Arpa
Cronaca Desiano, 27 Settembre 2021 ore 16:59

Incendio area ex Snia, nuove rilevazioni di Arpa. Al sopralluogo di questa mattina, lunedì, anche Ats e il vicesindaco Fabrizio Figini: "Non sono emersi valori preoccupanti"

Incendio area ex Snia, nuove rilevazioni di Arpa

5 foto Sfoglia la gallery

Questa  mattina, lunedì un nuovo sopralluogo a Varedo dei tecnici di Arpa Lombardia insieme ad Ats Brianza, Polizia Locale e autorità locali per monitorare la qualità dell'area dopo il pauroso incendio divampato sabato in un capannone della ex area Snia. "Sono stati effettuati rilevamenti  in vari punti della città ed altri campionamenti dell’aria dai quali non sono emersi valori preoccupati" ha rassicurato il vicesindaco Fabrizio Figini.

Controlli anche nei giorni precedenti

Gli operatori Arpa sono stati tra i primi ad accorrere sabato mattina sull'incendio. Nonostante il forte odore acre che si è avvertito anche oggi a Varedo e nei comuni limitrofi, i tecnici - che già avevano analizzato la conformazione di questi rifiuti nel 2019 - hanno subito  rassicurato che non sono classificabili come pericolosi. Sempre nella giornata di sabato Arpa ha effettuato misure nei luoghi limitrofi all’incendio e anche a distanze significative (fino circa 1,5 chilometri) senza rilevare concentrazioni critiche. Per tenere monitorata la situazione, è stato installato in prossimità dell’area interessata dall’incendio un campionatore ad alto volume per la ricerca dei microinquinanti. Domenica sono proseguite le rilevazioni ded è stata ribadita ai cittadini la raccomandazione di tenere chiuse le finestre nei quartieri dove si percepiva maggiore concentrazione di odore di bruciato.

Vigili del Fuoco ancora sul posto

Oggi i  Vigili del Fuoco erano ancora impegnati nella ex area Snia. Le fiamme non ci sono  più ma il grosso del lavoro ha riguardato lo smassamento dei rifiuti per soffocare ogni residuo di brace. Il capannone dove si è originato il rogo è stato sventrato per consentire ai pompieri di raccogliere all’esterno i mucchi di spazzatura bruciata. "I Vigili del Fuoco resteranno sul posto fino a quando ci sarà la certezza che tutto è completamente spento - ha aggiunto il vicesindaco - Il fumo bianco che molti avranno notato è invece effetto dell’evaporazione dell’acqua con cui vengono costantemente bagnati i rifiuti bruciati".

Necrologie