presidio di desio in prima linea

Ore 4.30 del mattino e quelle luci accese dove si combatte

Le parole dei volontari della Croce Bianca della sezione di Cesano "Lì dentro lavorano i nostri amici e conoscenti".

Ore 4.30 del mattino e quelle luci accese dove si combatte
Seregnese, 25 Marzo 2020 ore 14:34

Ore 4.30 del mattino e quelle luci accese dove si combatte il Coronavirus. Le parole dei volontari della Croce Bianca della sezione di Cesano “Lì dentro lavorano i nostri amici e conoscenti”.

Ore 4.30 del mattino e quelle luci accese dove si combatte il Coronavirus

“In anni di servizio, chi tanti chi pochi, nessuno di noi aveva mai visto tutte le luci dell’ospedale completamente accese, tutta la notte. La vera battaglia al Covid 19 si combatte lì dentro, la prima linea è lì. Il nostro pensiero e supporto va anche a tutti gli infermieri, medici e operatori sanitari dell’Ospedale di Desio, il nostro ospedale di riferimento, dove lavorano amici e conoscenti, il nostro ospedale preferito”.

Parole profonde, così come è forte è la foto che ci mostrano: un presidio ospedaliero in piena attività nonostante siano le quattro di notte. Il pensiero è dei volontari della sezione di Cesano Maderno della Croce Bianca. Anche loro, come tanti altri, in prima linea nell’emergenza Coronavirus di queste ultime settimane.

“Nessuno si immaginava tutto questo”

“Non più di un mese fa nessuno di noi avrebbe mai pensato che tutto questo sarebbe diventato una routine, nessuno di noi avrebbe mai pensato di trovarsi in questa realtà, nessuno di noi avrebbe mai pensato di rischiare così tanto facendo un turno da volontario in ambulanza – scrivono i soccorritori.

“I nostri volontari non solo ci sono, ma hanno anche raddoppiato gli sforzi garantendo un’ambulanza in più tutti i giorni. Chi fa questo tipo di volontariato lo può fare solo con il cuore ed alto senso civico. Grazie infinite a tutti i volontari e professionali per ciò che stanno facendo”.

TORNA ALLA HOME

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia