Menu
Cerca
Cronaca

Rifiuti abbandonati, la rabbia del sindaco di Cavenago

Davide Fumagalli ha appeso numerosi cartelli per le vie del paese bacchettando alcuni suoi concittadini.

Rifiuti abbandonati, la rabbia del sindaco di Cavenago
Cronaca Vimercatese, 18 Febbraio 2021 ore 14:29

Rifiuti abbandonati, la rabbia del sindaco di Cavenago Davide Fumagalli. Il primo cittadino ha appeso numerosi cartelli per le vie del paese bacchettando alcuni suoi concittadini.

“E’ una questione di civiltà”

Continua la lotta dell’Amministrazione comunale di Cavenago contro la piaga dei rifiuti abbandonati. Dopo il giro di vite annunciato nelle scorse settimane, il sindaco Davide Fumagalli ha deciso di bacchettare i suoi concittadini con una serie di cartelli appesi nei punti del paese maggiormente soggetti a uno smaltimento errato dei rifiuti. Se non a un vero e proprio abbandono.

“I punti del paese sono 7 – spiega il primo cittadino di Cavenago – Via Mazzini, via Campagna, via Manzoni, via Rasini solo per citarne alcuni”.

Gli avvisi

Questo il testo del cartelli appesi nei giorni scorsi dall’Amministrazione comunale lungo le vie di Cavenago.

“Per chi lascia i rifiuti in questo luogo… – scrive il sindaco Davide Fumagalli – Questo non è il luogo dove esporre i sacchi e i bidoni della propria raccolta differenziata e i sacchi indifferenziati; tra l’altro quest’ultimi non devono nemmeno esistere! I rifiuti vanno posizionati davanti alla propria residenza o in spazi di pertinenza, così come previsto dall’articolo 114 del regolamento edilizio comunale, ma soprattutto come fa correttamente e rispettosamente la stragrande maggioranza dei cittadini cavenaghesi. Aggiungo inoltre che, fortunatamente, il nostro paese, così come tanti altri nella nostra zona, ha un servizio di raccolta e differenziazione dei rifiuti che si pone ai più alti livelli nazionali. Quindi: perché non sfruttare questa occasione? Perché generare e abbandonare rifiuti non idonei? Perché quelli idonei non esporli con le modalità corrette? Perché generare un costo inutile a tutti i cittadini, voi compresi? E’ così difficile da capire? Le sanzioni non bastano? Devo tornare a utilizzare le telecamere nascoste? E soprattutto… è una questione di civiltà!”.

Necrologie