Cronaca
Barlassina

Ubriaco con l'auto si schianta contro il muro del cimitero

Miracolato e denunciato un 40enne di Cesano Maderno. All'alcoltest è risultato un tasso superiore di oltre tre volte al limite consentito.

Ubriaco con l'auto si schianta contro il muro del cimitero
Cronaca Seregnese, 04 Marzo 2022 ore 12:20

Ha perso il controllo dell'auto che si è schiantata contro la recinzione del cimitero.  L'incidente nella notte scorsa a Barlassina, miracolato un 40enne di Cesano Maderno completamente ubriaco.

Ubriaco con l'auto si schianta contro il muro del cimitero

A Barlassina nella notte scorsa, verso l'una di venerdì 4 marzo, un 40enne di Cesano Maderno era alla guida di una Skoda Kodiaq, di proprietà del proprio datore di lavoro, e percorreva la Sp. 44. All’altezza della rotatoria dell’incrocio con corso Garibaldi e via Monte Grappa, a causa dell’alta velocità, l'uomo ha perso il controllo del veicolo che è andato a impattare contro la recinzione del cimitero. Il mezzo è stato completamente distrutto dalla violenta collusione. All’arrivo dei Carabinieri della Stazione di Lentate sul Seveso e del personale sanitario del “118”, il conducente era già uscito miracolosamente dall’auto.

Il conducente era ubriaco

Dopo un primo iniziale rifiuto del conducente, i militari dell'Arma lo hanno sottoposto all’accertamento etilometrico. Il cesanese è risultato positivo con un tasso alcolemico pari a oltre il triplo del limite di legge in entrambe le prove (oltre 1,5 grammi per litro). I Carabinieri lo hanno denunciato all’Autorità giudiziaria per guida in stato d’ebbrezza, aggravata dall’aver provocato un incidente, con il contestuale ritiro della patente di guida. Il 40enne, che poteva riportare conseguenze molto più serie dopo lo schianto notturno, è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Desio per accertamenti di carattere generale, ma le sue condizioni non destavano preoccupazione. L'eccesso di alcol al volante è la causa di numerosi incidenti.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie