Atletica

Olimpiadi, Filippo Tortu eliminato in semifinale

Olimpiadi, Filippo Tortu eliminato in semifinale
Sport Caratese, 01 Agosto 2021 ore 12:33

Filippo Tortu non accede alla finale olimpica dei 100 metri.

Gara impossibile

Per accedere fra i migliori 8 velocisti di Tokyo 2020 e raggiungere uno storico traguardo individuale serviva essere nei primi due della rispettiva semifinale oppure essere il detentore di uno dei due migliori tempi dei non qualificati direttamente. Tortu ha chiuso in 10"16, piazzandosi settimo nel suo turno e rimanendo così fuori dal lotto degli atleti che correranno la finale nel pomeriggio di domenica. La semifinale, in cui il portacolori della Fiamme Gialle ha mostrato qualche incertezza in partenza, è stata vinta dal britannico Zharnel Hughes in 9"98; a passare il turno anche il nigeriano Enoch Adegoke, con 10 secondi netti.

L'orgoglio di Tortu

"Una semifinale olimpica conquistata con tutto me stesso. E domani, come ogni volta, darò tutto quello che ho", aveva commentato Tortu nell'immediato dopogara della batteria. In quell'occasione il velocista brianzolo aveva corso in 10"10, non riuscendo a entrare nei primi tre del turno, ma facendo strada grazie al ripescaggio. Quel tempo comunque - se ripetuto - non sarebbe bastato per accedere alla finale olimpica. La partecipazione dell'azzurro resta positiva, visto il primo turno passato, ma l'impressione è che la crescita del 23enne Tortu, folgorante negli anni passati (corse 9"99 nel 2019), si sia fermata.

E ora?

L'avventura olimpica di Tortu non finisce qui. Il caratese sarà infatti fra i componenti della staffetta 4x100 italiana che sarà di scena nel prossimo fine settimana. Il brianzolo e i compagni di colori - fra cui c'è Marcell Jacobs, che ha appena stabilito il nuovo primato europeo (e di conseguenza, quello italiano) con un pazzesco 9"84 - hanno conquistato la qualificazione giusto qualche mese fa e, in una gara tradizionalmente caotica come quella della staffetta veloce, potranno anche provare a dire la loro in finale, trascinati magari da un Jacobs che qualche ora dopo rispetto alla semifinale è diventato addirittura campione olimpico.

Necrologie