la cerimonia

Giovannino d’Oro 2020: Monza ha premiato chi ha lottato contro il virus FOTO

Quest'anno i premiati si sono distinti per aver apportato un contributo significativo durante l'emergenza sanitaria.

Giovannino d’Oro 2020: Monza ha premiato chi ha lottato contro il virus FOTO
Monza, 24 Giugno 2020 ore 13:48

Giovannino d’Oro 2020. A Monza, in piazza Roma, la cerimonia di consegna delle massime benemerenze cittadine, quest’anno dedicate a chi si è distinto in modo significativo durante il periodo di crisi sanitaria.

Giovannino d’Oro 2020: la cerimonia

Dopo la Messa solenne si è tenuta oggi in piazza Roma la cerimonia di consegna delle massime benemerenze cittadine.

Premio Corona Ferrea, come già annunciato, al San Gerardo di Monza. Il presidio monzese, come ha spiegato il sindaco Dario Allevi durante la cerimonia, è stato il secondo ospedale in Lombardia con più casi curati di Coronavirus. Uno sforzo immane quello compiuto dai medici e dagli operatori sanitari che oltre a gestire l’emergenza sul territorio hanno ospitato pazienti arrivati da tutta Italia.

La famiglia di Oscar Ros ha ritirato il Giovannino d’Oro alla memoria. Il medico dell’Ospedale di Vimercate è deceduto a causa del Coronavirus il 2o aprile scorso. Nel corso della cerimonia la moglie di Ros ha letto una lunga e commovente lettera raccontando anche che il medico non voleva farsi ricoverare per non togliere posti letto ad altre persone.

Hanno ricevuto il Giovannino d’Oro 2020 anche la crocerossina Sorella Mariella Cociani, il volontario monzese Virginio Brivio e Aldo Fumagalli, ex patron della Candy e Presidente di Ucid. 

Tutti hanno dedicato il premio al gruppo che rappresentano. A testimonianza del grande lavoro di squadra svolto dalle associazioni e dai volontari del territorio. E’ stato inoltre ringraziato più volte il primo cittadino Allevi che ha saputo far funzionare Monza, una città che si è dimostrata solidale, attenta, che si è impegnata durante il lockdown, che ha saputo rispettare le regole e reagire nel modo migliore.

La cerimonia si è svolta regolarmente e nel rispetto delle misure di sicurezza (mascherina e distanziamento sociale) ed è stata preceduta dalla consueta messa, questa volta in un Duomo fresco di ristrutturazione.

Monsignor Provasi, durante la messa, ha ricordato quanta voglia avesse Monza di poter tornare alla vita di sempre. E quanto la cerimonia di oggi abbia valore, proprio perché rappresenta il primo vero e proprio evento pubblico esattamente nel giorno del Santo patrono della città, San Giovanni.

LEGGI QUI TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SUI PREMIATI 

6 foto Sfoglia la gallery

 

TORNA ALLA HOME 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia